2/3 Thaler Germania Argento Ferdinando II d'Asburgo(1578 -1637)

Documento senza titolo
1624-1637, Emden (Città), Ferdinando II. Grande moneta d'argento da 2/3 tallero (fiorino).
Anno di conio: 1624-1637
Luogo di zecca: Emden (Città)
Denominazione: 2/3 Tallero (Fiorino)
Riferimento: Davenport 508, KM-10.2.
Peso: 19,76 g
Diametro: 41 mm
Materiale: argento
Recto: stemma coronato di Emden all'interno del fogliame. Numero del valore nella legenda di suddivisione dello stuber (28) di seguito.
Legenda: FLOR . ARGEN (28) CIVITAT . EMB
Rovescio: corona sopra l'aquila bicipite con globo sormontato da una croce sul petto, che contiene il numero di valore in stuber (28).
Legenda: FERDINANO . II. ROM . IMP. SEM. AVG
Emden è una città e porto marittimo della Bassa Sassonia, nel nord-ovest della Germania, sul fiume Ems. È il capoluogo della regione della Frisia orientale e, nel 2011, contava una popolazione totale di 51.528 abitanti. La data esatta di fondazione di Emden è sconosciuta, ma esiste almeno dall'VIII secolo. I nomi più vecchi di Emden sono Amuthon, Embda, Emda ed Embden. Privilegio cittadino e stemma della città, l'Engelke up de Muer (L'angelo sul muro) fu concesso dall'imperatore Massimiliano I nel 1495. Nel XVI secolo, Emden divenne per breve tempo un importante centro per la Riforma protestante sotto il dominio di La contessa Anna von Oldenburg determinata a trovare una "terza via" religiosa tra luteranesimo e cattolicesimo. Nel 1542 invitò il nobile polacco John Laski (o Joahannes a Lasco) a diventare pastore di una chiesa protestante a Emden; :xi e per 7 anni continuò a diffondere la nuova religione nella zona della Frisia orientale. Tuttavia, nel 1549, su pressione dell'imperatore Carlo V, la contessa fu costretta a chiedere a Laski di partire per l'Inghilterra e l'esperimento ebbe fine. Tuttavia, l'eredità è stata importante per la riforma nei Paesi Bassi. Emden era una città molto ricca durante il XVII secolo, a causa del gran numero di immigrati olandesi come Diederik Jansz. Graeff. A quel tempo era un centro del protestantesimo riformato, che produsse la prima traduzione della Bibbia in olandese. La rivoluzione di Emden nel 1595 portò Emden a diventare una città-stato distinta. Il teorico politico Johannes Althusius prestò servizio come sindaco dal 1604 al 1638. :xii Nel 1744 Emden fu annessa alla Prussia. Nel 1752 Federico il Grande istituì la Compagnia di Emden per commerciare con Canton, ma la compagnia andò in rovina quando Emden fu catturata dalle forze francesi nel 1757 durante la Guerra dei Sette Anni. La città fu riconquistata dalle forze anglo-tedesche nel 1758 e per il resto del conflitto fu utilizzata come importante base di rifornimento dagli inglesi per sostenere la guerra in corso in Vestfalia. Durante l'era francese napoleonica, Emden e le terre circostanti della Frisia orientale facevano parte del breve Regno d'Olanda. L'industrializzazione iniziò intorno al 1870, con una cartiera e un cantiere navale un po' più grande. Alla fine del XIX secolo fu costruito un grande canale, il canale Dortmund-Ems, che collegava Emden con la zona della Ruhr. Ciò fece di Emden il "porto marittimo della regione della Ruhr", che durò fino agli anni '70. Il carbone veniva trasportato dal sud al porto del Mare del Nord e il minerale di ferro importato veniva spedito attraverso il canale verso il Reno e la Ruhr. L'ultima nave da carico per minerale di ferro fu ormeggiata nel porto di Emden nel 1986. Nel 1903 fu fondato un grande cantiere navale (Nordseewerke, "Lavori del Mare del Nord") che esiste ancora oggi. Il centro cittadino venne quasi completamente raso al suolo a seguito dei bombardamenti alleati durante la Seconda Guerra Mondiale, che distrussero quasi tutti gli edifici storici. La RAF bombardò per la prima volta Emden il 31 marzo 1940. Il bombardamento più grave ebbe luogo il 6 settembre 1944, quando circa l'80% di tutte le case del centro città furono distrutte. Nella memoria collettiva del paese questa data riveste ancora un ruolo importante. L'area del cantiere navale era in gran parte intatta: gli inglesi presero di mira le aree civili, apparentemente come vendetta per il bombardamento di Coventry da parte della Luftwaffe. La città ricostruita fu inaugurata il 6 settembre 1962, esattamente 18 anni dopo il bombardamento.
Ferdinando II, imperatore del Sacro Romano Impero (9 luglio 1578 â€â€oe 15 febbraio 1637), della Casa d'Asburgo, regnò come imperatore del Sacro Romano Impero dal 1619 al 1637. Fu anche arciduca di Stiria (Austria Interna) dal 1590 al 1637, re di Boemia dal 1617 al 1619 e ancora dal 1620 al 1637, nonché re d'Ungheria dal 1618 al 1625. Cattolico devoto, il suo riconoscimento come re di Boemia e la soppressione del protestantesimo fecero precipitare i primi eventi della Guerra dei Trent'anni. La durata del suo regno fu occupata da preoccupazioni confessionali e militari.
Nato a Graz da Carlo II d'Austria (1540-1590) e Maria Anna di Baviera (1551-1608), Ferdinando ricevette una rigorosa educazione gesuita culminata negli anni presso l'Università di Ingolstadt. Dopo aver completato gli studi nel 1595, entrò nelle sue terre ereditarie (dove suo cugino maggiore, l'arciduca Massimiliano III d'Austria, aveva agito come suo reggente dal 1593 al 1595) e compì un pellegrinaggio a Loreto e Roma. Poco dopo iniziò a sopprimere la pratica delle fedi non cattoliche nel suo territorio.
Nel 1617 Ferdinando fu eletto re di Boemia dalla Dieta Boema. Si assicurò anche il sostegno degli Asburgo spagnoli per la sua pretesa di succedere sul trono all'imperatore Mattia senza figli, garantendo loro il futuro dominio sull'Alsazia e sui feudi imperiali in Italia. Il convinto cattolicesimo di Ferdinando portò a violazioni delle libertà religiose dei non cattolici. Tra l'altro, il re non rispettò le libertà religiose concesse nella Maestà (o "Lettera Maestosa") firmata dal precedente imperatore Rodolfo II per porre fine alla Guerra dei Fratelli, che aveva concesso libertà di culto ai nobili e agli abitanti delle città. Inoltre, Ferdinando era un assolutista e violava quelli che i nobili consideravano diritti secolari. Dato il numero relativamente elevato di protestanti all'interno del regno, inclusi molti appartenenti alle classi nobili, il nuovo re divenne presto impopolare e alcuni dissidenti parteciparono alla conseguente rivolta boema. Il 22 maggio 1618 due funzionari reali (cattolici) di Praga furono gettati dalla finestra del castello dai protestanti boemi (defenestrazione di Praga). Sebbene i funzionari fossero illesi, tali azioni non rientravano nell'ambito del protocollo standard e l'evidente offesa alla dignità reale portò ad un indurimento degli atteggiamenti e ad una completa ribellione.
La nobiltà si ribellò a Ferdinando e lo sostituì con l'elettore protestante Federico V del Palatinato, noto come il "Re d'Inverno".
L'imperatore Mattia morì a Vienna nel marzo del 1619. Come concordato in precedenza, Ferdinando gli succedette sul trono. Supportato dalla Lega cattolica, che comprendeva i governanti di Polonia, Spagna e Baviera, Ferdinando cercò di rivendicare i suoi possedimenti boemi e di reprimere la ribellione protestante. L'8 novembre 1620, le forze cattoliche ingaggiarono coloro che sostenevano il protestante Federico, che aveva preso il regno di Boemia, nella battaglia della Montagna Bianca. Dopo solo due ore di combattimento, i cattolici uscirono vittoriosi. L'ormai deposto Federico fuggì nei Paesi Bassi e il duca Massimiliano I di Baviera, leader della Lega cattolica, si mosse per confiscare le sue terre nel Palatinato. Il restaurato Ferdinando iniziò a rafforzare la chiesa cattolica in Boemia, ridusse l'autorità della Dieta e convertì con la forza i protestanti austriaci e boemi.
Nel 1625, nonostante avesse ricevuto sussidi dagli spagnoli e dal papa, Ferdinando era a corto di soldi e cercava un mezzo per formare il proprio esercito. La sua soluzione fu quella di incaricare il soldato boemo e "imprenditore militare" Albrecht von Wallenstein di formare e comandare un esercito imperiale. Wallenstein accettò l'incarico a condizione che la gestione (e il possesso) dei fondi dell'esercito fosse esclusivamente suo, così come il diritto di prendere e distribuire il bottino e i riscatti prelevati nel corso delle operazioni. Raccogliendo rapidamente almeno 30.000 uomini (in seguito ne avrebbe comandati almeno 100.000) e combattendo a fianco dell'esercito della Lega cattolica sotto il conte di Tilly, Wallenstein sconfisse le forze protestanti in Slesia, Anhalt e Danimarca.
Con le sue forze che ottennero importanti vittorie contro i protestanti, Ferdinando coronò la sua politica religiosa emanando il suo Editto di Restituzione (1629), progettato per restaurare tutte le proprietà ecclesiastiche che erano state secolarizzate dopo la Pace di Passau nel 1552. Questo sfacciatamente filo-cattolico alla politica è stato ampiamente riconosciuto il merito di aver portato il re protestante di Svezia, Gustavo Adolfo, nella guerra contro Ferdinando.
Nonostante i successi di Wallenstein, molti dei consiglieri di Ferdinando vedevano una vera minaccia politica nel generale, citando la sua crescente influenza, il suo crescente numero di possedimenti e titoli, nonché i suoi metodi esorbitanti per raccogliere fondi per il suo esercito. Ferdinando rispose licenziando Wallenstein nel 1630. Con la perdita del suo comandante, fu nuovamente costretto a fare affidamento sull'esercito della Lega cattolica sotto Tilly, che non fu in grado di arginare l'avanzata svedese e fu ucciso nel 1632. Di conseguenza, Ferdinando ricordò Wallenstein dalla pensione.
Nella primavera del 1632, Wallenstein radunò un nuovo esercito nel giro di poche settimane e scacciò l'esercito protestante dalla Boemia. Nel mese di novembre ci fu la grande battaglia di Lützen, nella quale i cattolici furono sconfitti, ma Gustavo Adolfo venne ucciso. Wallenstein si ritirò nei quartieri invernali in Boemia. Sebbene avesse perso strategicamente e fosse stato costretto a lasciare la Sassonia, i protestanti avevano subito perdite molto maggiori.
La campagna del 1633 fu indecisa, in parte perché Wallenstein stava negoziando con il nemico, pensando che l'esercito sarebbe stato fedele a lui, piuttosto che a Ferdinando, e lo avrebbe seguito se avesse cambiato posizione. All'inizio del 1634 fu apertamente accusato di tradimento e assassinato a Eger, probabilmente su istigazione di Ferdinando.
Nonostante la perdita di Wallenstein, le forze imperiali presero Ratisbona e vinsero nella battaglia di Nördlingen. La forza svedese fu notevolmente indebolita, ma la Francia entrò in guerra a fianco dei protestanti per paura della dominazione asburgica. Sebbene il paese fosse cattolico, la Francia temeva sia i tedeschi che gli spagnoli, così il cardinale Richelieu convinse il re Luigi XIII di Francia ad allearsi con gli olandesi e gli svedesi.
I francesi erano molto insoddisfatti dei termini della pace di Praga conclusa nel 1635, l'ultimo atto importante di Ferdinando. Pertanto, sebbene sia stato firmato un trattato, la pace non è arrivata. Alla morte di Ferdinando nel 1637, suo figlio Ferdinando III ereditò un impero assediato.
1624, Emden (Città), Ferdinando II. Moneta d'argento da 28 Stuber (2/3 Tallero = Fiorino).
Anno di zecca: 1624-1637 Luogo di zecca: Emden (Città) Riferimento: Davenport 507, KM-10. Denominazione: 28 Stuber (2/3 Thaler = 1 Gulden) Condizioni: leggera debolezza del colpo e qualche vecchio graffio al dritto, per il resto un bell'esemplare, apparentemente colpito su un tondello largo e quasi completamente rotondo! Peso: 20,32 g Diametro: 40 mm Materiale: argento
Recto: stemma coronato di Emden (Harpiye nel 2° e 4° quadrato) all'interno del fogliame. Due rosette sopra. Valore Stuber (28) di seguito. Legenda: FLOR . ARGEN (28) CIVITAT . Rovescio EMB: corona sopra l'aquila bicipite con sfera sormontata da una croce sul petto, che contiene il valore stuber (28). Legenda: FERDINANO . II. ROM . IMP. SEM. AVGV
Emden è una città e porto marittimo della Bassa Sassonia, nel nord-ovest della Germania, sul fiume Ems. È il capoluogo della regione della Frisia orientale e, nel 2011, contava una popolazione totale di 51.528 abitanti. La data esatta di fondazione di Emden è sconosciuta, ma esiste almeno dall'VIII secolo. I nomi più vecchi di Emden sono Amuthon, Embda, Emda ed Embden. Privilegio cittadino e stemma della città, l'Engelke up de Muer (L'angelo sul muro) fu concesso dall'imperatore Massimiliano I nel 1495. Nel XVI secolo, Emden divenne per breve tempo un importante centro per la Riforma protestante sotto il dominio di La contessa Anna von Oldenburg determinata a trovare una "terza via" religiosa tra luteranesimo e cattolicesimo. Nel 1542 invitò il nobile polacco John Laski (o Joahannes a Lasco) a diventare pastore di una chiesa protestante a Emden; :xi e per 7 anni continuò a diffondere la nuova religione nella zona della Frisia orientale. Tuttavia, nel 1549, su pressione dell'imperatore Carlo V, la contessa fu costretta a chiedere a Laski di partire per l'Inghilterra e l'esperimento ebbe fine. Tuttavia, l'eredità è stata importante per la riforma nei Paesi Bassi. Emden era una città molto ricca durante il XVII secolo, a causa del gran numero di immigrati olandesi come Diederik Jansz. Graeff. A quel tempo era un centro del protestantesimo riformato, che produsse la prima traduzione della Bibbia in olandese. La rivoluzione di Emden nel 1595 portò Emden a diventare una città-stato distinta. Il teorico politico Johannes Althusius prestò servizio come sindaco dal 1604 al 1638. :xii Nel 1744 Emden fu annessa alla Prussia. Nel 1752 Federico il Grande istituì la Compagnia di Emden per commerciare con Canton, ma la compagnia andò in rovina quando Emden fu catturata dalle forze francesi nel 1757 durante la Guerra dei Sette Anni. La città fu riconquistata dalle forze anglo-tedesche nel 1758 e per il resto del conflitto fu utilizzata come importante base di rifornimento dagli inglesi per sostenere la guerra in corso in Vestfalia. Durante l'era francese napoleonica, Emden e le terre circostanti della Frisia orientale facevano parte del breve Regno d'Olanda. L'industrializzazione iniziò intorno al 1870, con una cartiera e un cantiere navale un po' più grande. Alla fine del XIX secolo fu costruito un grande canale, il canale Dortmund-Ems, che collegava Emden con la regione della Ruhr. Ciò fece di Emden il "porto marittimo della regione della Ruhr", che durò fino agli anni '70. Il carbone veniva trasportato dal sud al porto del Mare del Nord e il minerale di ferro importato veniva spedito attraverso il canale verso il Reno e la Ruhr. L'ultima nave da carico per minerale di ferro fu ormeggiata nel porto di Emden nel 1986. Nel 1903 fu fondato un grande cantiere navale (Nordseewerke, "Lavori del Mare del Nord") che esiste ancora oggi. Il centro cittadino venne quasi completamente raso al suolo a seguito dei bombardamenti alleati durante la Seconda Guerra Mondiale, che distrussero quasi tutti gli edifici storici. La RAF bombardò per la prima volta Emden il 31 marzo 1940. Il bombardamento più grave ebbe luogo il 6 settembre 1944, quando circa l'80% di tutte le case del centro cittadino furono distrutte. Nella memoria collettiva del paese questa data riveste ancora un ruolo importante. L'area del cantiere navale era in gran parte intatta: gli inglesi presero di mira le aree civili, apparentemente come vendetta per il bombardamento di Coventry da parte della Luftwaffe. La città ricostruita fu inaugurata il 6 settembre 1962, esattamente 18 anni dopo il bombardamento.
Ferdinando II, imperatore del Sacro Romano Impero (9 luglio 1578 â€â€oe 15 febbraio 1637), della Casa d'Asburgo, regnò come imperatore del Sacro Romano Impero dal 1619 al 1637. Fu anche arciduca di Stiria (Austria Interna) dal 1590 al 1637, re di Boemia dal 1617 al 1619 e ancora dal 1620 al 1637, nonché re d'Ungheria dal 1618 al 1625. Cattolico devoto, il suo riconoscimento come re di Boemia e la soppressione del protestantesimo fecero precipitare i primi eventi della Guerra dei Trent'anni. La durata del suo regno fu occupata da preoccupazioni confessionali e militari.
Nato a Graz da Carlo II d'Austria (1540-1590) e Maria Anna di Baviera (1551-1608), Ferdinando ricevette una rigorosa educazione gesuita culminata negli anni presso l'Università di Ingolstadt. Dopo aver completato gli studi nel 1595, entrò nelle sue terre ereditarie (dove suo cugino maggiore, l'arciduca Massimiliano III d'Austria, aveva agito come suo reggente dal 1593 al 1595) e compì un pellegrinaggio a Loreto e Roma. Poco dopo iniziò a sopprimere la pratica delle fedi non cattoliche nel suo territorio.
Nel 1617 Ferdinando fu eletto re di Boemia dalla Dieta boema. Si assicurò anche il sostegno degli Asburgo spagnoli per la sua pretesa di succedere sul trono all'imperatore Mattia senza figli, garantendo loro il futuro dominio sull'Alsazia e sui feudi imperiali in Italia. Il convinto cattolicesimo di Ferdinando portò a violazioni delle libertà religiose dei non cattolici. Tra l'altro, il re non rispettò le libertà religiose concesse nella Maestà (o "Lettera Maestosa") firmata dal precedente imperatore Rodolfo II per porre fine alla Guerra dei Fratelli, che aveva concesso libertà di culto ai nobili e agli abitanti delle città. Inoltre, Ferdinando era un assolutista e violava quelli che i nobili consideravano diritti secolari. Dato il numero relativamente elevato di protestanti all'interno del regno, inclusi molti appartenenti alle classi nobili, il nuovo re divenne presto impopolare e alcuni dissidenti parteciparono alla conseguente rivolta boema. Il 22 maggio 1618 due funzionari reali (cattolici) di Praga furono gettati dalla finestra del castello dai protestanti boemi (defenestrazione di Praga). Sebbene i funzionari fossero illesi, tali azioni non rientravano nell'ambito del protocollo standard e l'evidente offesa alla dignità reale portò ad un indurimento degli atteggiamenti e ad una completa ribellione.
La nobiltà si ribellò a Ferdinando e lo sostituì con l'elettore protestante Federico V del Palatinato, noto come il "Re d'Inverno".
L'imperatore Mattia morì a Vienna nel marzo del 1619. Come concordato in precedenza, Ferdinando gli succedette sul trono. Supportato dalla Lega cattolica, che comprendeva i governanti di Polonia, Spagna e Baviera, Ferdinando cercò di rivendicare i suoi possedimenti boemi e di reprimere la ribellione protestante. L'8 novembre 1620, le forze cattoliche ingaggiarono coloro che sostenevano il protestante Federico, che aveva preso il regno di Boemia, nella battaglia della Montagna Bianca. Dopo solo due ore di combattimento, i cattolici uscirono vittoriosi. L'ormai deposto Federico fuggì nei Paesi Bassi e il duca Massimiliano I di Baviera, leader della Lega cattolica, si mosse per confiscare le sue terre nel Palatinato. Il restaurato Ferdinando iniziò a rafforzare la chiesa cattolica in Boemia, ridusse l'autorità della Dieta e convertì con la forza i protestanti austriaci e boemi.
Nel 1625, nonostante avesse ricevuto sussidi dagli spagnoli e dal papa, Ferdinando era a corto di soldi e cercava un mezzo per formare il proprio esercito. La sua soluzione fu quella di incaricare il soldato boemo e "imprenditore militare" Albrecht von Wallenstein di formare e comandare un esercito imperiale. Wallenstein accettò l'incarico a condizione che la gestione (e il possesso) dei fondi dell'esercito fosse esclusivamente suo, così come il diritto di prendere e distribuire il bottino e i riscatti prelevati nel corso delle operazioni. Raccogliendo rapidamente almeno 30.000 uomini (in seguito ne avrebbe comandati almeno 100.000) e combattendo a fianco dell'esercito della Lega cattolica sotto il conte di Tilly, Wallenstein sconfisse le forze protestanti in Slesia, Anhalt e Danimarca.
Con le sue forze che ottennero importanti vittorie contro i protestanti, Ferdinando coronò la sua politica religiosa emanando il suo Editto di Restituzione (1629), progettato per restaurare tutte le proprietà ecclesiastiche che erano state secolarizzate dopo la Pace di Passau nel 1552. Questo sfacciatamente filo-cattolico alla politica è stato ampiamente riconosciuto il merito di aver portato il re protestante di Svezia, Gustavo Adolfo, nella guerra contro Ferdinando.
Nonostante i successi di Wallenstein, molti dei consiglieri di Ferdinando vedevano una vera minaccia politica nel generale, citando la sua crescente influenza, il suo crescente numero di possedimenti e titoli, nonché i suoi metodi esorbitanti per raccogliere fondi per il suo esercito. Ferdinando rispose licenziando Wallenstein nel 1630. Con la perdita del suo comandante, fu nuovamente costretto a fare affidamento sull'esercito della Lega cattolica sotto Tilly, che non fu in grado di arginare l'avanzata svedese e fu ucciso nel 1632. Di conseguenza, Ferdinando ricordò Wallenstein dalla pensione.
Nella primavera del 1632, Wallenstein radunò un nuovo esercito nel giro di poche settimane e scacciò l'esercito protestante dalla Boemia. Nel mese di novembre ci fu la grande battaglia di Lützen, nella quale i cattolici furono sconfitti, ma Gustavo Adolfo venne ucciso. Wallenstein si ritirò nei quartieri invernali in Boemia. Sebbene avesse perso strategicamente e fosse stato costretto a lasciare la Sassonia, i protestanti avevano subito perdite molto maggiori.
La campagna del 1633 fu indecisa, in parte perché Wallenstein stava negoziando con il nemico, pensando che l'esercito sarebbe stato fedele a lui, piuttosto che a Ferdinando, e lo avrebbe seguito se avesse cambiato posizione. All'inizio del 1634 fu apertamente accusato di tradimento e assassinato a Eger, probabilmente su istigazione di Ferdinando.
Nonostante la perdita di Wallenstein, le forze imperiali presero Ratisbona e vinsero nella battaglia di Nördlingen. La forza svedese fu notevolmente indebolita, ma la Francia entrò in guerra a fianco dei protestanti per paura della dominazione asburgica. Sebbene il paese fosse cattolico, la Francia temeva sia i tedeschi che gli spagnoli, così il cardinale Richelieu convinse il re Luigi XIII di Francia ad allearsi con gli olandesi e gli svedesi.
I francesi erano molto insoddisfatti dei termini della pace di Praga conclusa nel 1635, l'ultimo atto importante di Ferdinando. Pertanto, sebbene sia stato firmato un trattato, la pace non è arrivata. Alla morte di Ferdinando nel 1637, suo figlio Ferdinando III ereditò un impero assediato.

altro

 

7  monete nel gruppo
2

(3205 X 1529pixel, dimensione del file: ~1M)
Postato da: anonymous  2023-12-07
Untitled Document 1624-1637, Emden (City), Ferdinand II. Large Silver 2/3 Thaler (Gulden) Coin. Mint Year: 1624-1637 Mint Place: Emden (City) Denomination: 2/3 Thaler (Gulden) Reference: Davenport 508, KM-10.2. Condition: Crudely struck and with weak details due to an uneven ...

(1500 X 753pixel, dimensione del file: ~211K)
Postato da: anonymous  2017-12-15
Emden, StadtGulden zu 28 Stübern o.J. Mit Namen und Titel Ferdinands III. Gekröntes Wappen / Reichsadler mit Wertzahl 28 auf der Brust. Davenport 508. Sehr schön +

(1365 X 648pixel, dimensione del file: ~210K)
Postato da: anonymous  2017-07-28
1637, Emden City, Ferdinand III. Silver 2/3 Thaler (28 Stuber = 1 Gulden) Coin. Mint year: 1624-1637 Mint Place: Emden (City) Condition: A crudely struck VF! Reference: Davenport 508, KM-16. Denomination: 2/3 Thaler (28 Stuber = 1 Gulden) Weight: 19.14gm Diameter: 41mm Material: ...

(900 X 454pixel, dimensione del file: ~120K)
Postato da: anonymous  2015-11-28
Emden, Stadt Gulden zu 28 Stübern o.J. Mit Titel Ferdinands III. Gekröntes Wappen / Reichsadler mit Wertzahl 28 auf der Brust. Davenport 508. Übliche Prägeschwäche, sehr schön

(900 X 458pixel, dimensione del file: ~150K)
Postato da: anonymous  2015-11-23
Emden, StadtGulden o.J. Davenport 508. Kratzer, kl. Fleck, sehr schön

(800 X 394pixel, dimensione del file: ~102K)
Postato da: anonymous  2015-08-28
GERMANY. Emden. Ferdinand III (1637-53). 28 Stueber (Gulden). Obv: FERDINAN III ROM IMP SEM AVG. Imperial eagle with globe cruciger on breast. Rev: FLOR ARGEN CIVITAT EMB. Crowned coat of arms. Davenport 508. Condition: Very fine. Weight: 19.47 g. Diameter: 41 mm.

Venduta per: $16.0
East Africa - 1924 - Silver Shilling - KM# 21

Venduta per: $20.0
BAHAMAS 4 Shillings ND(1953) - Pick 13 - F/VF

Venduta per: $24.0
TYROL (Austria) 20 Kreuzer 1809 - Silver - Maximilian Joseph I. Bavaria - 2105
Queste monete potrebbero interessarti
2/3 Thaler Principato di Ansbach (1398–1792) Argento Carlo Guglielmo Federico di Brandeburgo-Ansbach(1712 – 1757)
2/3 Thaler Principato di Ansbach (1398–1 ...
il gruppo ha   7 monete / 6 prezzi
3 Mark Regno di Baviera (1806 - 1918) Argento Ottone di Baviera(1848 – 1916)
3 Mark Regno di Baviera (1806 - 1918) Ar ...
il gruppo ha   79 monete / 74 prezzi
2 Mark Regno di Prussia (1701-1918) Argento
2 Mark Regno di Prussia (1701-1918) Argento
il gruppo ha   65 monete / 61 prezzi
2024-06-24 - Historical Coin Prices
50 Para Serbia Argento Milan Obrenović IV di Serbia
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-06-20 - Historical Coin Prices
1/2 Rupee India portoghese (1510-1961) Argento
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete