1 Patagon Spanish Netherlands Argento Alberto d'Austria (1559 - 1 ...

1619, Paesi Bassi spagnoli, Albert e Isabella. Moneta d'argento Patagono (Taller). Anno di zecca: 1619 Denominazione: Patagon (Taller borgognone) Luogo di zecca: Anversa Zecca (marchio privato: mano) Riferimento: Davenport 4432, Delmonte 254, KM-35.1 Peso: 27,26 g Diametro: 42 mm Materiale: Argento Dritto: Corona sopra la croce a doghe Borgogna (croce di Sant'Andrea, santo protettore dei duchi di Borgogna e degli Asburgo), grande ferro da fuoco al centro, monogrammi coronati di Alberto e Isabella ai lati, Ordine del Toson d'Oro e pietra focaia circondata da scintille in basso . Legenda: ALBERTVS . ET. ELISABETTA. DEI. GRATI (marchio privato: mano) . Rovescio: stemma coronato della linea spagnola degli Asburgo all'interno del collare dell'Ordine del Toson d'Oro. Piccola data (16-19) divisa sopra la corona. Legenda: ARCHID AVST . DVCES. BVRG. ET. BRAB. Zc. I Paesi Bassi spagnoli (olandese: Spaanse Nederlanden, spagnolo: Países Bajos españoles) in senso lato erano le diciassette province, che passarono sotto il dominio asburgico dopo il 1482. Dopo il 1556 furono sotto il ramo spagnolo degli Asburgo. Le province settentrionali si separarono dal dominio asburgico durante la Guerra degli Ottant'anni (1568-1648) e divennero le Province Unite indipendenti dopo il giuramento di abiura del 1581. Le province meridionali rimasero sotto il dominio asburgico e formarono i Paesi Bassi spagnoli in senso stretto. Alberto VII, arciduca d'Austria (a volte chiamato Albrecht d'Austria) (15 novembre 1559 – 13 luglio 1621) fu, insieme alla moglie Infanta Isabella di Spagna, figlia di Filippo II di Spagna, co-sovrano dei Paesi Bassi asburgici tra il 1598 e il 1621, governando i territori asburgici nei Paesi Bassi meridionali e nel nord della Francia moderna. In precedenza, era stato governatore di questi territori dal 1595. Alberto VII era il quinto figlio di Massimiliano II, imperatore del Sacro Romano Impero e dell'Infanta Maria di Spagna, figlia di Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero e Isabella del Portogallo. Fu mandato alla corte spagnola all'età di undici anni, dove suo zio Filippo II si occupò della sua educazione. Inizialmente avrebbe dovuto intraprendere la carriera ecclesiastica. Nel 1577 fu nominato cardinale all'età di diciotto anni e gli venne assegnata come chiesa titolare Santa Croce in Gerusalemme. Filippo II pensava di nominarlo arcivescovo di Toledo il prima possibile, ma l'attuale titolare, Gaspar de Quiroga y Sandoval, visse molto più a lungo del previsto. Nel frattempo Albert accettava solo ordini inferiori. Non sarebbe mai stato ordinato sacerdote, né vescovo. La sua educazione clericale ebbe tuttavia un'influenza duratura sul suo stile di vita. Dopo l'annessione del Portogallo, Alberto divenne il primo viceré del regno e del suo impero d'oltremare nel 1583. Fu nominato anche legato pontificio e grande inquisitore per il Portogallo. Come viceré del Portogallo, partecipò all'organizzazione della Grande Armata del 1588 e respinse un contrattacco inglese contro Lisbona nel 1589. Nel 1593 Filippo II lo richiamò a Madrid, dove assumerà un ruolo di primo piano nel governo del Portogallo. la monarchia spagnola. Dopo la morte dell'arciduca Ernesto nel 1595, Alberto fu inviato a Bruxelles per succedere al fratello maggiore come governatore generale dei Paesi Bassi asburgici. Fece il suo ingresso a Bruxelles l'11 febbraio 1596. La sua prima priorità era ripristinare la posizione militare della Spagna nei Paesi Bassi. Stava affrontando le forze combinate della Repubblica olandese, dell'Inghilterra e della Francia e non aveva conosciuto altro che sconfitte dal 1590. Durante la sua prima stagione di campagna, Albert sorprese i suoi nemici catturando Calais e la vicina Ardres dai francesi e Hulst dagli olandesi. Questi successi furono tuttavia controbilanciati dal terzo fallimento della corona spagnola nello stesso anno. Di conseguenza, il 1597 fu segnato da una serie di disastri militari. Lo statolder Maurizio d'Orange conquistò le ultime roccaforti spagnole rimaste a nord dei grandi fiumi, così come la città strategica di Rheinberg nell'elettorato di Colonia. Tuttavia, l'esercito spagnolo delle Fiandre riuscì a sorprendere Amiens, bloccando così la controffensiva che Enrico IV stava per lanciare. Senza più soldi per pagare le truppe, Albert stava anche affrontando una serie di ammutinamenti. Mentre perseguiva la guerra come meglio poteva, Alberto fece aperture per la pace con i nemici della Spagna, ma solo il re francese era disposto ad avviare trattative ufficiali. Sotto la mediazione del legato pontificio cardinale Alessandro de'Medici, il futuro papa Leone XI, Spagna e Francia conclusero la pace di Vervins il 2 maggio 1598. La Spagna rinunciò alle sue conquiste, ripristinando così la situazione di Cateau Cambrésis. La Francia accettò tacitamente l'occupazione spagnola del principe arcivescovile di Cambray. Si ritirò dalla guerra, ma mantenne il suo sostegno finanziario alla Repubblica olandese. Solo pochi giorni dopo il trattato, il 6 maggio 1598, Filippo II annunciò la sua decisione di sposare la figlia maggiore, l'Infanta Isabella, con Alberto e di cedergli la sovranità sui Paesi Bassi asburgici. L'atto di cessione prevedeva tuttavia che se la coppia non avesse avuto figli, i Paesi Bassi sarebbero tornati alla Spagna. Conteneva anche una serie di clausole segrete che assicuravano una presenza permanente dell'esercito spagnolo delle Fiandre. Dopo aver ottenuto il permesso del papa, Alberto si dimise formalmente dal Collegio cardinalizio il 13 luglio 1598 e partì per la Spagna il 14 settembre, ignaro che Filippo II era morto la notte prima. Papa Clemente VIII celebrò l'unione per procura a Ferrara il 15 novembre, mentre il matrimonio vero e proprio avvenne a Valencia il 18 aprile 1599. La prima metà del regno di Alberto e Isabella fu dominata dalla guerra. Dopo che le aperture alle Province Unite e alla regina Elisabetta I si rivelarono infruttuose, la politica asburgica nei Paesi Bassi mirava a riprendere l'iniziativa militare e ad isolare la Repubblica olandese. La strategia era quella di costringere i suoi avversari a un tavolo da conferenza e negoziare da una posizione di forza. Anche se Madrid e Bruxelles tendevano ad essere d'accordo su queste opzioni, Alberto assunse una posizione molto più flessibile rispetto a suo cognato, il nuovo re spagnolo Filippo III. Albert aveva una conoscenza diretta delle devastazioni provocate dalla rivolta olandese ed era giunto alla conclusione che sarebbe stato impossibile riconquistare le province settentrionali. Logicamente, Filippo III e i suoi consiglieri erano più preoccupati per la reputazione della Spagna e per l'impatto che un compromesso con la Repubblica olandese avrebbe potuto avere sulle posizioni asburgiche nel loro insieme. La Spagna ha fornito i mezzi per continuare la guerra. Albert prendeva le decisioni sul campo e tendeva a ignorare le istruzioni del Real Madrid. Date le circostanze, la divisione delle responsabilità ha ripetutamente portato a tensioni. La reputazione di Alberto come comandante militare venne gravemente compromessa quando fu sconfitto dallo statolder olandese Maurizio d'Orange nella battaglia di Nieuwpoort il 2 luglio 1600. La sua incapacità di concludere il lungo assedio di Ostenda (1601-1604), portò al suo ritiro dalla comando tattico dell'esercito spagnolo delle Fiandre. Da allora in poi le operazioni militari furono guidate dal genovese Ambrogio Spínola. Anche se non poté impedire la cattura quasi simultanea di Sluys, Spínola costrinse Ostenda ad arrendersi nel settembre 1604. Prese l'iniziativa nelle campagne successive, portando per la prima volta la guerra a nord dei grandi fiumi nel 1594. Nel frattempo l'ascesa di Giacomo VI di Scozia come Giacomo I in Inghilterra aveva aperto la strada a una pace separata con l'Inghilterra. Il 24 luglio 1604 Inghilterra, Spagna e Paesi Bassi arciducali firmarono il Trattato di Londra. Il ritorno alla pace fu gravemente ostacolato dalle differenze sulla religione. Eventi come il complotto della polvere da sparo hanno causato molta tensione diplomatica tra Londra e Bruxelles. Nel complesso, tuttavia, i rapporti tra le due corti tendevano ad essere cordiali. Le campagne di Spínola e la minaccia dell'isolamento diplomatico indussero la Repubblica olandese ad accettare un cessate il fuoco nell'aprile 1607. I successivi negoziati tra le parti in guerra non riuscirono a produrre un trattato di pace. Portarono tuttavia alla conclusione della tregua dei dodici anni ad Anversa il 9 aprile 1609. Secondo i termini della tregua, le Province Unite dovevano essere considerate una potenza sovrana per tutta la durata della tregua. Alberto aveva concesso questo punto contro la volontà di Madrid e gli ci vollero molti sforzi per convincere Filippo III a ratificare l'accordo. Quando finalmente arrivò la ratifica di Filippo, la ricerca di Alberto per il ripristino della pace nei Paesi Bassi aveva finalmente dato i suoi frutti. Gli anni della tregua diedero ai Paesi Bassi asburgici uno spazio di respiro tanto necessario. I campi hanno potuto nuovamente essere lavorati in sicurezza. Il regime arciducale incoraggiò la bonifica delle terre che erano state inondate nel corso delle ostilità e favorì l'impolderamento del Moeren, un'area paludosa che si trova attualmente a cavallo del confine franco-belga. La ripresa dell'agricoltura ha portato a sua volta ad un modesto aumento della popolazione dopo decenni di perdite demografiche. Anche l'industria e soprattutto l'artigianato del lusso hanno registrato una ripresa. Il commercio internazionale fu tuttavia ostacolato dalla chiusura del fiume Schelda. Per combattere la povertà urbana, il governo ha sostenuto la creazione di una rete di Monti di Pietà sul modello italiano. Nel frattempo il regime arciducale assicurava il trionfo della Riforma cattolica nei Paesi Bassi asburgici. La maggior parte dei protestanti a quel punto aveva lasciato i Paesi Bassi meridionali. Dopo un'ultima esecuzione nel 1597, coloro che rimasero non furono più perseguitati attivamente. Secondo la legislazione approvata nel 1609, la loro presenza era tollerata, a condizione che non praticassero il culto in pubblico. Anche la partecipazione a dibattiti religiosi era vietata dalla legge. Anche le risoluzioni del Terzo Consiglio Provinciale di Malines del 1607 furono sanzionate ufficialmente. Attraverso tali misure e con la nomina di una generazione di vescovi capaci e impegnati, Alberto e Isabella gettarono le basi della confessionalizzazione cattolica della popolazione. Va notato, tuttavia, che nello stesso periodo si registrarono importanti ondate di caccia alle streghe. Nel processo di ricattolizzazione gli ordini religiosi nuovi e riformati godettero del particolare sostegno degli arciduchi. Anche se Alberto aveva alcune riserve sull'ordine, i gesuiti ricevettero le maggiori sovvenzioni in denaro, che consentirono loro di completare i loro ambiziosi programmi di costruzione a Bruxelles e Anversa. Anche altri sostenitori della Riforma cattolica, come i Cappuccini, ricevettero somme considerevoli. La fondazione dei primi conventi di Carmelitani Scalzi nei Paesi Bassi meridionali dipese interamente dall'iniziativa personale degli Arciduchi e testimoniava l'orientamento spagnolo della loro spiritualità. Il regno di Alberto vide un rafforzamento del potere principesco nei Paesi Bassi asburgici. Gli Stati generali delle province fedeli furono convocati solo una volta nel 1600. Successivamente il governo preferì trattare direttamente con le province. Gli anni della Tregua permisero al regime arciducale di promulgare leggi su tutta una serie di materie. Il cosiddetto editto eterno del 1611, ad esempio, riformò il sistema giudiziario e inaugurò il passaggio dal diritto consuetudinario a quello scritto. Altre misure riguardavano questioni monetarie, nobiltà, duelli, gioco d'azzardo, ecc. Spinto da motivi strategici oltre che religiosi, Alberto intervenne nel 1614 nelle dispute sull'eredità dei ducati di Jülich, Kleve e Berg. Il successivo confronto con gli eserciti della Repubblica olandese portò al Trattato di Xanten. L'episodio fu per molti versi una prova generale di ciò che sarebbe accaduto nella Guerra dei Trent'anni. Dopo la defenestrazione di Praga, Alberto rispose inviando truppe a suo cugino Ferdinando II e facendo pressioni su Filippo III per un sostegno finanziario alla causa degli Asburgo austriaci. Come tale contribuì notevolmente alla vittoria delle forze asburgiche e bavaresi nella battaglia della Montagna Bianca l'8 novembre 1620. Con il passare degli anni divenne chiaro che Alberto e Isabella non avrebbero mai avuto figli. Quando la salute di Alberto subì un grave crollo nell'inverno 1613-1614, furono prese misure per garantire la successione di Filippo III in conformità all'atto di cessione. Di conseguenza, gli Stati delle province fedeli giurarono di accettare il re spagnolo come erede degli arciduchi nel maggio 1616. Filippo III tuttavia morì prima di suo zio il 31 marzo 1621. Il diritto di succedere agli arciduchi passò quindi al figlio maggiore Filippo IV . Alberto aveva una salute precaria e peggiorò notevolmente negli ultimi mesi del 1620. Poiché la tregua dei dodici anni sarebbe scaduta nell'aprile successivo, dedicò le sue ultime energie a garantirne il rinnovo. Per raggiungere questo obiettivo era pronto a fare concessioni di vasta portata. Con sua grande frustrazione, né la monarchia spagnola, né la repubblica olandese presero sul serio le sue richieste di pace. La sua morte, avvenuta il 13 luglio 1621, coincise quindi più o meno con la ripresa delle ostilità tra i due.

altro

 

14  monete nel gruppo
2 3

(1077 X 511pixel, dimensione del file: ~153K)
Postato da: anonymous  2014-03-17
1612, Spanish Netherlands, Albert & Isabella. Large Silver Patagon (Thaler) Coin. Mint Period: 1612-1621 Denomination: Patagon (Burgundian Thaler) Mint Place: Antwerp Mint (privy mark: hand) Reference: Davenport 4432, Delmonte 254, KM-35.1. Condition: A few mint-made planch ...

(1077 X 510pixel, dimensione del file: ~126K)
Postato da: anonymous  2016-10-23
1618, Spanish Netherlands, Albert & Isabella. Large Silver Patagon (Thaler) Coin. Mint Year: 1618 Denomination: Patagon (Burgundian Thaler) Mint Place: Antwerp Mint (privy mark: hand) Reference: Davenport 4432, Delmonte 254, KM-35.1. Condition: Mint-made planchet striae, ligh ...

(1537 X 751pixel, dimensione del file: ~274K)
Postato da: anonymous  2020-12-30
1616, Spanish Netherlands, Albert & Isabella. Silver Patagon (Thaler) Coin. VF- Mint Year: 1616 Denomination: Patagon (Burgundian Thaler) Mint Place: Antwerp Mint (privy mark: hand) Reference: Davenport 4432, Delmonte 254, KM-35.1 ($200 in VF!) Condition: Welding scar at 12 o'cloc ...

(1365 X 655pixel, dimensione del file: ~191K)
Postato da: anonymous  2017-01-19
1612, Spanish Netherlands, Albert & Isabella. Silver Patagon (48 Sols) Coin. VF+ Mint Period: 1612-1621 Reference: Davenport 4438, KM-31. Mint Place: Tournai (privy mark: castle) Denomination: Patagon (Burgundian Thaler = 48 Sols) Condition: Crudely struck as usual, minor mar ...

(1537 X 725pixel, dimensione del file: ~255K)
Postato da: anonymous  2018-10-18
1612, Spanish Netherlands, Albert & Isabella. Silver Patagon (48 Sols) Coin. XF! Mint Period: 1612-1621 Mint Place: Antwerp Mint (privy mark: hand) Denomination: Patagon (Burgundian Thaler of 48 Sols) Reference: Davenport 4432, Delmonte 254, KM-35.1. Condition: Minor mint-made planc ...

(1537 X 733pixel, dimensione del file: ~251K)
Postato da: anonymous  2018-03-21
1612, Spanish Netherlands, Albert & Isabella. Silver Patagon (Thaler) Coin. aXF! Mint Period: 1612-1621 AD Denomination: Patagon (Burgundian Thaler) Mint Place: Antwerp Mint (privy mark: hand) Reference: Davenport 4432, Delmonte 254, KM-35.1. Condition: Usual mint-made planchet st ...

Venduta per: $67.0
Antwerpen: 1/2 patagon zj

Venduta per: $81.0
1643, Spanish Netherlands, Philip IV. Silver Patagon (48 Sols) Coin. Tournai! Mint Year: 1643 Denomination: Patagon (48 Sols) Mint Place: Tournai (mint mark: tower) Region: Brabant (Spanis ...

Venduta per: $151.0
1666, Liege (Bishopric), Maximilian Heinrich of Bavaria. Silver Patagon Coin. R! Mint Year: 1664 Denomination: Patagon Mint Place: Bishopric of Liége (Belgium) References: Davenport 4294, ...
Queste monete potrebbero interessarti
1 Patagon Spanish Netherlands Argento Filippo IV di Spagna (1605 -1665)
1 Patagon Spanish Netherlands Argento Fi ...
il gruppo ha   7 monete / 7 prezzi
1 Ducat Repubblica delle Sette Province Unite (1581 - 1795) Oro
1 Ducat Repubblica delle Sette Province ...
il gruppo ha   100 monete / 98 prezzi
5 Ecu Belgio Argento
5 Ecu Belgio Argento
il gruppo ha   5 monete / 5 prezzi
2024-07-07 - Historical Coin Prices
1 Rupee Kingdom of Italy (1861-1946) Argento Vitto ...
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-07-07 - New coin is added to 8 Real Impero spagnolo (1700 - 1808) Argento Carlo II di Spa ...


    8 Real Impero spagnolo (1700 - 1808) Argento Carlo II di Spa ...
il gruppo ha    10 monete / 9 prezzi



Bolivia. "Royal" 8 Reales, 1727 P-Y (Potosi). WR-10; KM-R35. 26.87 grams. Louis I, 1724. Crowned Cross of Jerusalem, quartering arms of Castille and Leon, all in quadrilobe. Reverse: Crowned pil ...
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete