1 Gulden Austria Argento

Metallo:
Stato:
Periodo:
1486

Codice sul catalogo:

Documento senza titolo
1486/1953, Austria, Arciduca Sigismondo. Fiorino d'argento
Tiratura: 5000 pz.
Riferimenti: Bruce X#M28.
Luogo di zecca: Hall (Tirolo, Austria)Anno di zecca: 1953 (Riproduzione ufficiale della leggendaria emissione del 1486!) Denominazione: Guldiner (Guldengroschen) - Riapertura ufficiale della zecca di Hall in Tirolo, Austria!
Materiale: Argento (.900)
Diametro: 40 mm
Peso: 31,8 g
Recto: Sigismondo in piedi in armatura, con indosso una corona e con in mano una sfera; scudo a sinistra, elmo crestato a destra, data di riapertura (1953) in basso.
Legenda: .SIGISMVNDVS: *: ARCHIDVX. AVSTRIE.
Rovescio: cavaliere corazzato a cavallo a destra, che porta uno stendardo. Data (1486) di seguito. Tutto all'interno di un cerchio di 16 scudi.
Il Guldengroschen era una grande moneta d'argento originariamente coniata in Tirolo nel 1486. ​​Il nome del Guldengroschen deriva dal fatto che ha un valore nominale equivalente in argento rispetto a quello del fiorino d'oro (60 kreuzer). Negli ultimi anni del 1470 e nei primi anni del 1480 Sigismondo d'Austria emanò decreti che riformarono il cattivo stato della monetazione della sua regione, migliorando la finezza dell'argento riportandola a un livello mai visto da secoli (.937 puro) e creando denominazioni più grandi di gli onnipresenti, ma di valore piuttosto basso, Groschen da 4 a 6 Kreuzer che erano in uso. Nel 1484 furono emessi piccoli numeri di "mezzi fiorini" del valore di 30 kreuzer. Questo fu un salto rivoluzionario nel taglio dei pezzi più piccoli e superò anche i grandi testoni d'Italia che erano le monete di peso più alto in uso. Finalmente nel 1486 fu messo in circolazione il guldengroschen a grandezza naturale da 60 kreuzer, che presto venne soprannominato "guldiner". Per molto tempo tali monete furono chiamate anche "unciales" perché il loro peso effettivo dell'argento sfiorava l'oncia. Quando grandi quantità di argento divennero disponibili, altri stati iniziarono a emettere fiorini propri. Berna, nell'odierna Svizzera, fu una delle prime a seguire il Tirolo emettendo i suoi fiorini nel 1493. Nel 1500, la zecca della Sassonia ad Annaberg portò il conio dei fiorini a nuovi livelli e le economie dell'Europa centrale accolsero queste nuove grandi monete. Il fiorino tirolese originale è stato progettato in modo che otto monete coniate pesassero in argento puro a un marco tirolese. Questo andava bene per il Tirolo, ma gran parte dell'Europa era abituata a misurare con il più diffuso marchio di Colonia. Il penultimo sviluppo del fiorino avvenne nel 1518, quando la zecca Joachimsthal nella Boemia controllata dagli Asburgo modificò leggermente il peso della moneta da 31,93 g a 29,20 g. Ciò ha permesso di coniare nove fiorini per avere l'equivalente in peso d'argento di un marco di Colonia, anziché gli otto del Tirolo. Questa nuova moneta era conosciuta come Joachimsthaler (Joachimsthal guldiner), ma come il guldengroschen contratto in guldiner, il joachimsthaler divenne noto semplicemente come tallero. Questa nuova moneta ebbe un successo immediato e fu il bisnonno di molte altre monete di peso simile come il daalder, il dollaro, il tolar, il tallero, ecc.
Sigismondo (14 febbraio 1368 – 9 dicembre 1437) fu imperatore del Sacro Romano Impero per quattro anni dal 1433 al 1437, e l'ultimo imperatore della Casa di Lussemburgo. Fu anche uno dei re d'Ungheria più longevi, regnando per cinquant'anni dal 1387 al 1437. Fu anche re di Boemia dal 1419, di Lombardia dal 1431 e di Germania dal 1411. Sigismondo fu una delle forze trainanti dietro la Concilio di Costanza che pose fine allo scisma papale, ma che alla fine portò anche alle guerre hussite che dominarono l'ultimo periodo della vita di Sigismondo.
Alla morte del padre nel 1382, la sua promessa sposa, Maria, divenne regina d'Ungheria e Sigismondo la sposò nel 1385 a Zólyom (oggi Zvolen). Fu tuttavia catturata, insieme a sua madre che fungeva da reggente d'Ungheria, l'anno successivo dal ribelle Horvathys, dal vescovo Paolo di Machva, da suo fratello Ivanish e dal fratello minore Ladislao. Ciò avvenne secondo un piano elaborato dallo stesso diciassettenne Sigismondo, e sua suocera fu strangolata (presumibilmente dagli uomini di Sigismondo) nel gennaio 1387. Maria fu salvata solo nel giugno 1387 grazie all'aiuto dei veneziani (la sua zio d'adozione, Stefan Tvrtko di Bosnia, divenuto poi cittadino onorario veneziano), e lei pare si riconciliò con gli Horvathy. Maria non perdonò mai Sigismondo per la morte della sua amata madre, nonostante la sua affermazione di aver punito gli assassini, e successivamente vissero vite separate e ebbero famiglie separate. Morì nel 1395 in un sospetto incidente a cavallo mentre era incinta.
Nel frattempo Sigismondo aveva organizzato la propria incoronazione a re d'Ungheria il 31 marzo 1387 e, dopo aver raccolto fondi impegnando il Brandeburgo a suo cugino Jobst, margravio di Moravia (1388), fu impegnato per i successivi nove anni in una lotta incessante per il possesso di questo trono instabile. Non fu per ragioni del tutto altruistiche che una delle leghe dei baroni lo aiutò a salire al potere: Sigismondo dovette pagare per il sostegno dei signori trasferendo una parte considerevole delle proprietà reali. (Per alcuni anni il consiglio baronale governò il paese in nome della Sacra Corona) Il ripristino dell'autorità dell'amministrazione centrale richiese decenni di lavoro. Il grosso della nazione guidata dalla grande famiglia Garai era con lui; ma nelle province meridionali tra il Save e il Drave, gli Horvathy con l'appoggio del re Tvrtko I di Bosnia, zio materno di Maria, proclamarono loro re Ladislao, re di Napoli, figlio dell'assassinato Carlo II d'Ungheria. Solo nel 1395 Nicola II Garay riuscì a sopprimerli. In diverse occasioni Sigismondo fu imprigionato dai nobili, ma riuscì abilmente a fuggire.
Nel 1396 Sigismondo guidò gli eserciti combinati della cristianità contro i turchi, che avevano approfittato della temporanea impotenza dell'Ungheria per estendere il loro dominio fino alle rive del Danubio. Quest'ultima crociata, predicata da papa Bonifacio IX, fu molto popolare in Ungheria. I nobili accorsero a migliaia allo stendardo reale e furono rinforzati da volontari provenienti da quasi ogni parte d'Europa, il contingente più importante fu quello dei francesi guidati da Giovanni l'Impavido, figlio di Filippo II, duca di Borgogna. Sigismondo partì con 90.000 uomini e una flottiglia di 70 galee. Dopo aver catturato Vidin, si accampò davanti alla fortezza di Nicopoli. Il sultano Bayezid I tolse l'assedio di Costantinopoli e, alla testa di 140.000 uomini, sconfisse completamente le forze cristiane nella battaglia di Nicopoli combattuta tra il 25 e il 28 settembre 1396. Tornò attraverso il mare e attraverso il regno di Zeta, dove ordinò sacerdote un signore serbo locale Ðurad II con le isole di Hvar e Korcula per la resistenza contro i turchi, che furono restituite a Sigismondo dopo la sua morte nell'aprile del 1403.
Privato della sua autorità in Ungheria, Sigismondo rivolse quindi la sua attenzione a garantire la successione in Germania e Boemia, e fu riconosciuto dal fratellastro senza figli Venceslao IV come vicario generale dell'intero Impero. Tuttavia, non fu in grado di sostenere Venceslao quando fu deposto nel 1400 e Ruperto di Germania, elettore palatino, fu eletto re tedesco al suo posto.
In questi anni fu coinvolto anche in difficoltà interne, dalle quali scaturì una seconda guerra con Ladislao di Napoli; al suo ritorno in Ungheria nel 1401 fu imprigionato una volta e deposto due volte. Questa lotta a sua volta portò ad una guerra con la Repubblica di Venezia, poiché Ladislao aveva venduto le città dalmate ai veneziani per 100.000 ducati prima di partire per la sua terra. Nel 1401 Sigismondo assistette ad una rivolta contro Venceslao, durante la quale il re boemo fu fatto prigioniero, e Sigismondo governò la Boemia per diciannove mesi. Liberò Venceslao nel 1403.
Nel 1404 introdusse il Placetum Regium. Secondo questo decreto le bolle papali non potevano essere pronunciate in Ungheria senza il consenso del re.
Intorno al 1406 si risposò con la cugina di Maria Barbara di Celje (Barbara Celjska, soprannominata la "Messalina della Germania"), figlia del conte Hermann II di Celje. La madre di Hermann, Katarina Kotromanic (della Casata di Kotromanic) e la madre di Maria, la regina Elisabetta (Elisabetta di Bosnia) erano sorelle o cugine adottive. Tvrtko I era il loro cugino di primo grado e fratello adottivo, e forse divenne anche l'erede della regina Mary. Tvrtko potrebbe essere stato assassinato nel 1391 su ordine di Sigismondo.
Sigismondo guidò personalmente un esercito di quasi 50.000 "crociati" contro croati e bosniaci, che culminò nel 1408 con la battaglia di Dobor e il massacro di circa 200 famiglie nobili, molte delle quali vincitrici di numerose battaglie contro gli ottomani. Dopo questa vittoria fondò il suo personale ordine cavalleresco, l'Ordine del Drago. I membri dell'ordine erano per lo più suoi alleati e sostenitori politici. Durante il suo lungo regno il castello reale di Buda divenne probabilmente il più grande palazzo gotico del tardo Medioevo.

altro

 

7  monete nel gruppo
2

(1500 X 748pixel, dimensione del file: ~240K)
Postato da: anonymous  2019-05-21
Haus Habsburg. Erzherzog Sigismund 1477-1490. Guldiner 1486, Hall. Stehender Erzherzog mit geschultertem Zepter zwischen Wappen und Helm mit Federbusch / Nach rechts springender Turnierreiter über Jahreszahl zwischen Wappenkranz. Schulten 4424, Slg. Morosini 66, Davenport 8087, Voglhuber 1/4, M ...

(1000 X 510pixel, dimensione del file: ~173K)
Postato da: anonymous  2015-12-06
Haus Habsburg Haus Habsburg Erzherzog Sigmund 1477-1490. Guldiner 1486, Hall. Stehender Erzherzog mit geschultertem Zepter zwischen Wappen und Helm mit Federbusch / Nach rechts springender Turnierreiter über Jahreszahl zwischen Wappenkranz. Schulten 4424, Slg. Morosini 66, Davenport 8087, Voglh ...

(900 X 450pixel, dimensione del file: ~147K)
Postato da: anonymous  2015-09-03
RDR / ÖSTERREICH Erzherzog Sigismund von Tirol, 1477-1496. Guldiner 1486, Hall. 31.58 g. M.T. 64. Dav. 8087. Felder lt. geglättet. Fast vorzüglich-sehr schön.

(910 X 455pixel, dimensione del file: ~107K)
Postato da: anonymous  2015-09-01
RDR / ÖSTERREICH Erzherzog Sigismund von Tirol, 1477-1496. Guldiner 1486, Hall. 31.95 g. M.T. 64. Dav. 8087. Gelocht und altvergoldet. Schön-sehr schön.

(905 X 446pixel, dimensione del file: ~140K)
Postato da: spider  2014-06-15
Tyrol. Archduke Sigismund Guldiner 1486, Dav-8087, VF30 NGC, evenly worn details with faint surface porosity, a very decent example of this issue often dubbed "the first Taler." Scarce and always in demand.

(905 X 453pixel, dimensione del file: ~106K)
Postato da: spider  2014-06-15
Tyrol. Archduke Sigismund Guldiner 1486, Dav-8087, VF Details NGC (mount removed), an attractive example of this "first Taler" with aged charcoal gray patina and bold design features. As with most specimens of this type, there is a faint trace of mounting at the top. Very scarce and e ...

Venduta per: $32.0
Info: https://www.ebay.com/itm/364890803587 2024-05-23
AUSTRIA 20 Kreuzer 1868 - Silver .500 - aUNC - 364

Venduta per: $12.0
Info: https://www.ebay.com/itm/204788134564 2024-05-23
AUSTRIA 20 Kreuzer 1869 - Silver .500 - VF - 362

Venduta per: $15.0
Info: https://www.ebay.com/itm/204788134520 2024-05-23
AUSTRIA 20 Kreuzer 1870 - Silver .500 - XF- 363
Queste monete potrebbero interessarti
1/2 Gulden Regno di Prussia (1701-1918) Argento Federico Guglielmo IV di Prussia (1795 - 1861)
1/2 Gulden Regno di Prussia (1701-1918) ...
il gruppo ha   22 monete / 22 prezzi
3 Kreuzer Austria Argento Ferdinando Carlo d
3 Kreuzer Austria Argento Ferdinando Car ...
il gruppo ha   20 monete / 19 prezzi
1 Thaler Impero austriaco (1804-1867) Argento Francis II, Holy Roman Emperor (1768 - 1835)
1 Thaler Impero austriaco (1804-1867) Ar ...
il gruppo ha   92 monete / 90 prezzi
2024-06-11 - Historical Coin Prices
2 Lira Kingdom of Italy (1861-1946) Argento Vittor ...
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-05-19 - New coin is added to 5 Shilling Sudafrica Argento Giorgio VI (1895-1952)


    5 Shilling Sudafrica Argento Giorgio VI (1895-1952)
il gruppo ha    27 monete / 26 prezzi



1952, South Africa. Large Proof Silver 5 Shillings Coin. Low Pop 68/4! NGC PF67! Mint Year: 1952 Reference: KM-41. Denomination: 5 Shillings - VOC / Capetown 300th Anniversary Condi ...
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete