1 Escudo Spagna Oro Carlo III di Spagna (1716 -1788)

Metallo:
Oro
Stato:
Periodo:
1779

Codice sul catalogo:
  KM-416

1787, Spagna, Carlo III. Bellissima moneta spagnola in escudo d'oro Anno di conio: 1787 Denominazione: 1 Escudo Luogo di conio: Madrid (incoronato M) Riferimento: Friedberg 288, KM-416 Saggiatori: Domingo Antonio Lopez e Vicente Campos Gonzalez (DV) Diametro: 18 mm Peso: 3,33 g Materiale: Oro!
Dritto: busto di profilo drappeggiato di Carlo II a destra. Legenda: CAROLUS . III. DG. HISP. ETIND. R . / * 1787 * Traduzione: "Carlo III per grazia di Dio, re delle Spagne e delle Indie 1787"
Rovescio: scudo sotto la corona all'interno del collare dell'Ordine del Vello d'Oro. Valore (1-S) nei campi. Legenda: AUSPICE DEO IN UTROQ FELIX S (lettera nuova) DV (iniziali del saggiatore) Traduzione: "Sotto gli auspici di Dio felici in entrambi i (mondi)"
Da tenere in considerazione una bellissima moneta spagnola in scudi d'oro, coniata alla Zecca di Siviglia nel 1787 sotto Carlo III di Spagna.
Carlo III (20 gennaio 1716 – 14 dicembre 1788) fu re di Spagna 1700–88 (come Carlos III), re di Napoli e Sicilia 1735–59 (come Carlo VII e Carlo V) e duca di Parma 1732–35 (come Carlo I). Era un sostenitore dell'assolutismo illuminato.
Carlo fu il primo figlio del secondo matrimonio di Filippo V con Elisabetta Farnese di Parma.
All'età di sedici anni fu mandato a regnare come duca di Parma per diritto di sua madre. Il 1° dicembre 1734, in seguito alla vittoria di Bitonto sugli austriaci, Montemar si impadronì con le armi di Napoli e della Sicilia. Carlo, tuttavia, non aveva gusti militari, raramente indossava uniformi e poteva essere convinto solo con difficoltà ad assistere a una revisione. L'azione perentoria dell'ammiraglio britannico al comando nel Mediterraneo all'avvicinarsi della guerra di successione austriaca, che lo costrinse a promettere di osservare la neutralità sotto la minaccia di bombardare Napoli, lasciò una profonda impressione nella sua mente. Gli diede un sentimento di ostilità verso il Regno di Gran Bretagna che, in seguito, influenzò la sua politica. Nel 1735 cedette Parma all'imperatore Carlo VI in cambio del riconoscimento come re di Napoli e di Sicilia. Carlo, re di Napoli e di Sicilia, vi cominciò l'opera di riforma interna, che poi continuò in Spagna. I ministri degli esteri che trattarono con lui concordarono sul fatto che non aveva grandi capacità naturali, ma era onestamente desideroso di compiere il suo dovere di re e mostrò buon giudizio nella scelta dei ministri. Su di lui esercitò una notevole influenza il primo ministro di Napoli Tanucci. Fu durante il suo regno che furono riscoperte le città romane di Ercolano (1738), Stabia e Pompei (1748). Il re incoraggiò gli scavi e venne informato dei ritrovamenti anche dopo essersi trasferito in Spagna.
Il 10 agosto 1759 morì il fratellastro Ferdinando VI di Spagna e Carlo III lasciò i domini napoletano/siciliani per recarsi a Madrid. Il suo secondo figlio avrebbe infine governato in Spagna come Carlo IV. Il suo terzo figlio avrebbe unificato il Regno di Napoli e il Regno di Sicilia per formare il Regno delle Due Sicilie e governò come Ferdinando.
Come re di Spagna, la sua politica estera fu segnata dall'alleanza con la Francia (i Patti di Famiglia) e dal conflitto con la Gran Bretagna per il controllo dei possedimenti americani. Il suo sostegno alla Francia alla fine della Guerra dei Sette Anni portò alla perdita della Florida da parte degli inglesi, sebbene ciò fu in parte compensato dall'acquisizione della Louisiana francese. La rivalità con la Gran Bretagna lo portò anche a sostenere i rivoluzionari americani nella loro guerra d'indipendenza, nonostante i suoi dubbi sull'esempio che avrebbe dato alle colonie spagnole. Durante la guerra, la Spagna riconquistò Minorca e la Florida, ma non riuscì a catturare Gibilterra.
Il suo governo interno è stato, nel complesso, vantaggioso per il paese. Cominciò col costringere i madrileni a smettere di svuotare la spazzatura dalle finestre, e quando si opposero disse che erano come bambini che piangevano quando si lavavano la faccia. Nel 1766, il suo tentativo di costringere i madrileni ad adottare l'abito francese per motivi di pubblica sicurezza fu il pretesto per una rivolta (Motín de Esquilache) durante la quale non dimostrò molto coraggio personale. Rimase per molto tempo ad Aranjuez, lasciando il governo nelle mani del suo ministro Pedro Pablo Abarca de Bolea, conte di Aranda. Non tutte le sue riforme furono di questo tipo formale.
Carlo era un vero despota dell'ordine benevolo, ed era stato profondamente offeso dalla partecipazione reale o presunta dei gesuiti alla rivolta del 1766. Acconsentì quindi all'espulsione dell'ordine, e fu allora il principale sostenitore della sua soppressione. Il suo litigio con i gesuiti e il ricordo di alcune controversie avute con il Papa quando era re di Napoli lo spinsero verso una politica generale di restrizione di quello che vedeva come il potere eccessivo della Chiesa. Il numero del clero ritenuto inattivo, e più particolarmente degli ordini monastici, fu ridotto e l'Inquisizione spagnola, sebbene non abolita, fu resa intorpidita.
Nel frattempo furono abolite leggi molto antiquate che tendevano a limitare il commercio e l'industria; furono realizzate strade, canali e opere di drenaggio. Molte delle sue iniziative paterne portarono a poco più che uno spreco di denaro o la creazione di focolai di lavoro manuale; tuttavia nel complesso il paese prosperò. Il risultato fu in gran parte dovuto al re, il quale, anche quando fu sconsiderato, almeno lavorò con costanza nel suo compito di governo. Creò la Lotteria Spagnola e introdusse i presepi natalizi su modello napoletano. Durante il suo regno nacque il movimento per la fondazione delle "Società economiche" (un prototipo approssimativo di Camera di commercio).
Il suo esempio non rimase senza effetto su alcuni nobili. Nella sua vita domestica il re Carlo era regolare ed era un padrone premuroso, sebbene avesse una lingua un po' caustica e avesse una visione piuttosto cinica dell'umanità. Amava appassionatamente la caccia. Durante i suoi ultimi anni ebbe qualche problema con il figlio maggiore e la nuora. Se Carlo fosse vissuto abbastanza da vedere l'inizio della Rivoluzione francese, probabilmente avrebbe avuto una reazione spaventata. Morendo il 14 dicembre 1788 lasciò la fama di re filantropo e filosofo, soprannominato ancora "el rey alcalde" ("il re sindaco") a causa dei lavori pubblici a Madrid. Nonostante la sua ostilità verso i gesuiti, la sua antipatia per i frati in generale e la sua gelosia per l'Inquisizione spagnola, era un cattolico romano molto sincero. Charles fu responsabile della concessione del titolo di "Università Reale" all'Università di Santo Tomas a Manila, che è la più antica dell'Asia.

altro

 

10  monete nel gruppo
2

(900 X 454pixel, dimensione del file: ~118K)
Postato da: anonymous  2015-11-17
Spanien, Carlos III. Escudo 1780 PJ, Madrid. K.M. 416.1, Friedberg 288, Calicó/Trigo 622. GOLD. Vorzüglich

(830 X 409pixel, dimensione del file: ~110K)
Postato da: anonymous  2015-09-01
SPANIEN Königreich Carlos III. 1759-1788. 1 Escudo 1785, Madrid. Mmz. DV. 3.34 g. C.T. 517. Fr. 288. Sehr schön-vorzüglich.

(830 X 406pixel, dimensione del file: ~107K)
Postato da: anonymous  2015-09-01
SPANIEN Königreich Carlos III. 1759-1788. 1 Escudo 1787, Madrid. Mmz. DV. 3.36 g. C.T. 518. Fr. 288. Av. kl. Schrötlingsr. Sehr schön.

(821 X 410pixel, dimensione del file: ~108K)
Postato da: anonymous  2015-09-01
SPANIEN Königreich Carlos III. 1759-1788. 1 Escudo 1787, Madrid. Mmz. DV. 3.28 g. C.T. 518. Fr. 288. Sehr schön.

(829 X 410pixel, dimensione del file: ~111K)
Postato da: anonymous  2015-09-01
SPANIEN Königreich Carlos III. 1759-1788. 1 Escudo 1787, Madrid. Mmz. DV. 3.37 g. C.T. 518. Fr. 288. Sehr schön-vorzüglich.

(1445 X 723pixel, dimensione del file: ~114K)
Postato da: anonymous  2015-05-01
1787,SPAIN. Escudo, 1787-DV. Madrid Mint. Charles III (1759-88). ANACS Fine Details-12--Mount Removed, Altered Surfaces.Fr-288; KM-416.1a.

Venduta per: $56.0
Info: https://www.ebay.com/itm/364892620026 2024-05-23
MEXICO 8 Reales 1841Zs OM - Silver 0.903 - F/VF - 477

Venduta per: $233.0
Info: https://www.ebay.com/itm/364892619816 2024-05-23
MEXICO 8 Reales 1846Go PM - Silver 0.903 - VF- - 474

Venduta per: $53.0
Info: https://www.ebay.com/itm/364892619729 2024-05-23
MEXICO 8 Reales 1839Zs OM - Silver 0.903 - 473
Queste monete potrebbero interessarti
2 Escudo Spagna / Monarchia asburgica (1526-1804) Oro Filippo II di Spagna (1527-1598)
2 Escudo Spagna / Monarchia asburgica (1 ...
il gruppo ha   15 monete / 12 prezzi
8 Escudo Vicereame della Nuova Spagna (1519 - 1821) Oro Carlo IV di Spagna (1748-1819)
8 Escudo Vicereame della Nuova Spagna (1 ...
il gruppo ha   25 monete / 23 prezzi
1/2 Escudo Impero spagnolo (1700 - 1808) Oro Carlo III di Spagna (1716 -1788)
1/2 Escudo Impero spagnolo (1700 - 1808) ...
il gruppo ha   28 monete / 26 prezzi
2024-06-06 - New coin is added to 500 Reis Regno del Portogallo (1139-1910) Argento Carlo I de ...


    500 Reis Regno del Portogallo (1139-1910) Argento Carlo I de ...
il gruppo ha    20 monete / 14 prezzi



PORTUGAL 500 Reis 1892 - Silver 0.917 - Carlos I. - VF/XF - 1214 *
2024-05-30 - New coin is added to 5 Peseta Kingdom of Spain (1874 - 1931) Argento Alfonso XIII ...


    5 Peseta Kingdom of Spain (1874 - 1931) Argento Alfonso XIII ...
il gruppo ha    57 monete / 48 prezzi



SPAIN 5 Pesetas 1888 - Silver 0.9 - Alphonso XIII. - VF - 1142 *
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete