1 Ducat Dalmatia Argento

1 Ducat    (di   Ducat)
Metallo:
Stato:
Dalmatia             
Periodo:
1747

Codice sul catalogo:

1747, Dalmazia, Ragusa (Repubblica). Moneta d'argento Tallero (Ducat et Sem).
Anno di coniazione: 1747Luogo di conio: Dubrovnik (Croazia)
Riferimento: Davenport 1637, KM-17. R!Denominazione: Ducato d'Argento / Tallero (noto anche come "Talero del Rettore" o "Ducato Et Sem")
Peso: ca. 28,4 g
Diametro: 41 mm
Materiale: argento
Dritto: busto drappeggiato del rettore repubblicano a sinistra.
Legenda: . RETTORE. REIP. . RHACVSIN .
Rovescio: Stemma coronato della Repubblica di Ragusa con stocco incrociato e scettro sullo sfondo.
Legenda: . DVCAT ET. SEM. . REIP. RHAC. 1747 .
Rector provinciae era il termine generico latino per governatore romano, il governatore di una provincia romana. Un simile uso di governatore o di magistrato capo esisteva nella Repubblica di Ragusa (l'attuale Dubrovnik, Croazia), che era governata da un rettore.
La Repubblica di Ragusa (o Repubblica di Dubrovnik) fu una repubblica marinara con sede nella città di Ragusa (Dubrovnik, oggi nella parte più meridionale della Croazia), in Dalmazia, dal XIV secolo d.C. fino al 1808. Raggiunse il suo apice nel XV e XVI secolo prima di essere conquistata dall'Impero di Francia di Napoleone Bonaparte nel 1808. Aveva una popolazione di circa 30.000 persone, di cui 5.000 vivevano all'interno delle mura della città.
La Repubblica governava un'area compatta della Dalmazia meridionale – i suoi confini definitivi furono stabiliti nel 1426 – comprendente la costa continentale da Neum alla penisola di Prevlaka, nonché la penisola di Pelješac e le isole di Lastovo e Mljet, nonché una serie di isole minori al largo di Lastovo e Dubrovnik come Kolocep, Lopud e Šipan.
Nel XV secolo la repubblica di Ragusa acquistò per circa otto anni anche le isole di Korcula, Brac e Hvar. Dovettero però essere abbandonati a causa della resistenza degli aristocratici minori locali simpatizzanti di Venezia che concedeva loro alcuni privilegi.
Nel 1684 gli emissari rinnovarono il patto stipulato a Višegrad nel 1358 e accettarono la sovranità dell'imperatore austriaco su Ragusa come re croato-ungherese, con una tassa annua di 500 ducati. Nello stesso tempo Ragusa continuava a riconoscere la sovranità della Turchia; il che non era niente di insolito a quei tempi. Successivamente si aprirono opportunità ancora maggiori per le navi ragusane nei porti lungo tutta la costa dalmata, nei quali ancoravano frequentemente.
Nel 1683 i turchi furono sconfitti nella battaglia di Kahlenberg fuori Vienna. Il feldmaresciallo dell'esercito austriaco era il ragusano Frano Dživo Gundulic/Gondola. Nel Trattato di Karlowitz del 1699, gli Ottomani cedettero tutta l'Ungheria, la Transilvania, la Slavonia, la Dalmazia e la Podolia ai vittoriosi Asburgo, Veneziani e Polacchi.
L’Impero Ottomano non rappresentava più una minaccia per l’Europa cristiana. Successivamente Venezia conquistò una parte dell'entroterra ragusano e si avvicinò ai suoi confini. Presentavano la minaccia di circondare completamente e tagliare il commercio di Ragusa nell'entroterra. In considerazione di questo pericolo e anticipando la sconfitta dei turchi nel 1684 Ragusa inviò emissari all'imperatore austriaco Leopoldo a Vienna, sperando che l'esercito austriaco catturasse la Bosnia. Fortunatamente per la Repubblica, gli Ottomani mantennero il controllo sull’entroterra. Con l'accordo di pace del 26 gennaio 1699, la Repubblica di Ragusa cedette due tratti della sua costa all'Impero Ottomano affinché la Repubblica di Venezia non potesse attaccare da terra, ma solo dal mare. Uno di questi, il confine terrestre nordoccidentale con la cittadina di Neum, è oggi l'unico sbocco dell'attuale Bosnia ed Erzegovina al Mare Adriatico. Il villaggio di Sutorina, al confine sud-orientale, divenne in seguito parte del Montenegro, che ha la costa a sud. Ragusa continuò la sua politica di rigorosa neutralità nella Guerra di successione austriaca (1741–48) e nella Guerra dei Sette Anni (1756–63).
Nel 1783 il Consiglio ragusano non diede seguito alla proposta avanzata dal loro rappresentante diplomatico a Parigi, Frano Favi, di stabilire relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti. Anche se gli americani accettarono di consentire alle navi ragusane il libero passaggio nei loro porti.

altro

 

6  monete nel gruppo

(1977 X 952pixel, dimensione del file: ~482K)
Postato da: anonymous  2023-10-31
1747, Dalmatia, Ragusa (Republic). Silver Tallero (Ducat et Sem) Coin. NGC XF+ Mint Year: 1747Mint Place: Dubrovnik (Croatia) Reference: Davenport 1637, KM-17. R! Condition: Certified and graded by NGC as XF (Details: Environmental Damage)Denomination: Silver Ducat / Tallero (also kno ...

(900 X 444pixel, dimensione del file: ~160K)
Postato da: anonymous  2017-01-30
Jugoslawien-Ragusa (Dubrovnik), Republik Tallero Rettorale 1746. Davenport 1637. Fast sehr schön

(1445 X 726pixel, dimensione del file: ~251K)
Postato da: anonymous  2015-04-30
1748,RAGUSA. Taler, 1748. NGC MS-62.Dav-1637; KM-17. A wonderfully preserved example, from a region where crown size silver coins are generally difficult to obtain in mint state condition. This piece bears fewer and less obtrusive adjustment marks than most, those here being confined to the arm ...

(900 X 445pixel, dimensione del file: ~151K)
Postato da: anonymous  2015-09-01
KROATIEN Ragusa Tallero Rettorale 1747. 28.31 g. Dav. 1637. Rv. justiert. Gutes sehr schön.

(1200 X 602pixel, dimensione del file: ~284K)
Postato da: anonymous  2015-08-20
WORLD COINS. RAGUSA.Silver Tallero, 1746. AR, 28.40g. Obv. Cuirassed and robed bust left with narrow coiffure. Rev. Arms (Dav 1637; KM 17). Good very fine, light gray tone, choice for issue. $250

(855 X 427pixel, dimensione del file: ~132K)
Postato da: anonymous  2015-12-13
Ausländische Münzen und Medaillen Jugoslawien-Ragusa (Dubrovnik) Republik 1358-1805. Tallero rettorale 1747. Brustbild mit großer Allongeperücke nach links / Gekröntes Wappen. Mimica 5, Davenport 1637. Nur minimal justiert, Fast vorzüglich

Venduta per: $375.0
1797, Doges of Venice, Ludovico Manin. Silver Tallero "per il Levante" Coin. XF! Mint year: 1797 Doge: Ludovico Manin (1789-1797) Assayer: Alessandro Semitecolo (AS) Refer ...

Venduta per: $130.0
1792, Venice, Ludovico Manin. Large Silver Tallero "per il Levante" Coin. XF+ Mint year: 1792 Doge: Ludovico Manin (1789-1797) Assayer: Alessandro Semitecolo (A.S.) Referen ...

Venduta per: $26.0
1486/1986, Austria/Japan, Archduke Sigismund. Silver Mining Guldiner Coin. Official Restrike! Mint year: 1986 Mintage: 1500 pcs! Mint Place: Hall (Tyrol) Condition: A nice AU-UNC! R ...
Queste monete potrebbero interessarti
1 Thaler Impero austriaco (1804-1867) Argento Francis II, Holy Roman Emperor (1768 - 1835)
1 Thaler Impero austriaco (1804-1867) Ar ...
il gruppo ha   34 monete / 33 prezzi
20 Kreuzer Impero austriaco (1804-1867) Argento
20 Kreuzer Impero austriaco (1804-1867) ...
il gruppo ha   21 monete / 16 prezzi
1 Ducat Cecoslovacchia  (1918-1992) Oro
1 Ducat Cecoslovacchia (1918-1992) Oro
il gruppo ha   104 monete / 99 prezzi
2024-06-19 - New coin is added to 5 Corona Impero austro-ungarico (1867-1918) Argento Franz Jo ...


    5 Corona Impero austro-ungarico (1867-1918) Argento Franz Jo ...
il gruppo ha    45 monete / 41 prezzi



1908, Austria, Francis Joseph I. Silver 5 Corona "Jubilee" Coin. NGC UNC+ Mint Year: 1908 Reference: KM-2809 Mint place: Vienna Mint Condition: Certified and graded by NGC (Details: Cleane ...
2024-06-21 - Historical Coin Prices
2 Centime Belgio Rame Leopoldo I del Belgio (1790-1865)
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete