1 Krone / 4 Mark Danimarca Argento Federico III di Danimarca (160 ...

1659, Regno di Danimarca, Federico III. Moneta d'argento da 4 marchi (corona). Anno di zecca: 1659 Luogo di zecca: Copenaghen Denominazione: 4 marchi (1 corona) Riferimento: Davenport 3574, KM-194.4a Peso: 21,74 g Diametro: 41 mm Materiale: argento Recto: corona sopra la cifra di Federico III (ligata F3) all'interno del cerchio interno . Legenda: * IIII * MARCK * DANSKE * 1659 * Rovescio: Scudo coronato del Regno di Danimarca, su croce corta con estremità a forma di triangolo. Leggenda: * DOMINVS * PROVIDEBIT * ("Il Signore provvederà!") Federico III (danese: Frederik III; 18 marzo 1609 – 9 febbraio 1670) fu re di Danimarca e Norvegia dal 1648 fino alla sua morte. Istituì la monarchia assoluta in Danimarca e Norvegia nel 1660, confermata dalla legge nel 1665 come la prima nella storiografia occidentale. Nacque il secondo figlio maggiore di Cristiano IV di Danimarca e Anna Caterina di Brandeburgo. Federico fu considerato erede al trono solo dopo la morte del fratello maggiore, il principe Cristiano, nel 1647. Alla morte di Cristiano IV di Danimarca, Federico concesse un'influenza significativa alla nobiltà per essere eletto re. Come re, combatté due guerre contro la Svezia. Fu sconfitto nella guerra dano-svedese del 1657–1658, ma raggiunse una grande popolarità quando resistette all'assalto a Copenaghen del 1659 e vinse la guerra dano-svedese del 1658–1660. Nello stesso anno, Federico usò la sua popolarità per sciogliere la monarchia elettiva a favore della monarchia assoluta, che durò fino al 1848. Sposò Sophie Amalie di Brunswick-Lüneburg, dalla quale generò Cristiano V di Danimarca. Federico nacque a Haderslev a Slesvig, figlio di Cristiano IV di Danimarca e Anna Caterina di Brandeburgo. Nella sua giovinezza e nella prima età adulta, non c'era alcuna prospettiva di salire al trono danese, poiché suo fratello maggiore Christian fu eletto erede nel 1608. Federico studiò all'Accademia di Sorø e studiò nei Paesi Bassi e in Francia. Da giovane dimostrò interesse per la teologia, le scienze naturali e la storia scandinava. Era un principe riservato ed enigmatico che raramente rideva, parlava poco e scriveva meno, in netto contrasto con Cristiano IV. Ma se gli mancavano le qualità impulsive e gioviali di suo padre, Federico possedeva le virtù compensative della moderazione e dell'autocontrollo. Il 1° ottobre 1643 Federico sposò Sophie Amalia di Brunswick-Lüneburg, figlia di Giorgio, duca di Brunswick-Lüneburg, che aveva un carattere energico, appassionato e ambizioso. Era un appassionato collezionista di libri e la sua collezione divenne la base per la Biblioteca reale di Copenaghen. Nella sua giovinezza, Federico divenne lo strumento dei piani politici di suo padre nel Sacro Romano Impero. Gli fu concessa l'amministrazione del principe-arcivescovado di Brema (1635–45), del principe-vescovado di Verden (1623–29 e di nuovo 1634–44) e nominato coadiutore del vescovado di Halberstadt. All'età di diciotto anni era il comandante in capo della fortezza bremiana di Stade. Quindi, fin dalla tenera età, ebbe una notevole esperienza come amministratore, mentre la sua educazione generale fu molto attenta e approfondita. Durante la guerra di Torstenson del 1643–45, Federico perse il controllo dei suoi possedimenti all'interno dell'impero. Fu poi nominato comandante dei ducati dello Schleswig-Holstein da suo padre. Il suo comando non ebbe successo, principalmente a causa dei suoi litigi con il conte maresciallo Anders Bille, che comandava le forze danesi. Questa fu la prima collisione di Federico con la nobiltà danese, che da allora in poi lo guardò con estrema diffidenza. La morte del fratello maggiore Christian nel giugno 1647 aprì la possibilità a Federico di essere eletto erede al trono danese. Tuttavia, la questione era ancora irrisolta quando Cristiano IV morì il 28 febbraio 1648. Dopo una lunga discussione tra gli stati danesi e nel consiglio reale di Rigsraadet, fu finalmente accettato come re Federico III di Danimarca. Il 6 luglio Federico ricevette gli omaggi dei suoi sudditi e fu incoronato il 23 novembre. Tuttavia, a causa dei dubbi sul governo di Cristiano IV, nonché delle precedenti amministrazioni conflittuali di Federico a Brema e Verden e dei suoi litigi con Anders Bille, fu eletto solo dopo aver firmato una carta di Haandfæstning. L'Haandfæstning includeva disposizioni che limitavano le già diminuite prerogative reali a favore di Rigsraadet che riceveva una maggiore influenza. Nei primi anni del suo regno, Rigsraadet fu il principale centro di potere della politica danese. Tuttavia, Federico esercitò più potere di quello istituito dall'Haandfæstning e alla fine riuscì a rimuovere dall'incarico i due membri più influenti di Rigsraadet nel 1651: i suoi cognati Corfitz Ulfeldt e Hannibal Sehested. Ulfeldt andò in esilio in Svezia dove divenne traditore, mentre Sehested fu riportato in favore nel 1660. Con tutte le sue buone qualità, Federico non era uomo da riconoscere pienamente i propri limiti e quelli del suo paese. Ma giustamente considerava l'ascesa di Carlo X di Svezia il 6 giugno 1654 come una fonte di pericolo per la Danimarca. Sentiva che temperamento e politica si sarebbero combinati per rendere Carlo un re guerriero aggressivo: l'unica incertezza era in quale direzione avrebbe rivolto per primo le braccia. L'invasione della Polonia da parte di Carlo nel luglio del 1655 fu un netto sollievo per Federico, sebbene anche la guerra polacca fosse piena di pericoli latenti per la Danimarca. Federico decise di rompere con la Svezia alla prima occasione conveniente. Quando Rigsdagen si riunì il 23 febbraio 1657, concesse volentieri considerevoli sussidi per la mobilitazione e altre spese militari. Il 23 aprile ricevette il consenso della maggioranza di Rigsraadet per attaccare i domini tedeschi della Svezia. All'inizio di maggio le trattative ancora in corso con quella potenza furono interrotte e il 1° giugno Federico firmò il manifesto in cui giustificava una guerra, che non fu mai formalmente dichiarata. Il re svedese confuse tutti i piani dei suoi nemici con la marcia attraverso le cinture nel gennaio e febbraio 1658. L'effetto di questa impresa inaudita di attraversare il mare ghiacciato per invadere il territorio danese fu devastante. Federico chiese subito la pace. Cedendo alle persuasioni dei ministri inglese e francese, Carlo alla fine accettò di accontentarsi di mutilare, invece di annientare, la monarchia danese. Il Trattato di Taastrup fu firmato il 18 febbraio e il Trattato di Roskilde il 26 febbraio 1658. Alla conclusione della pace seguì un episodio notevole. Federico espresse il desiderio di fare la conoscenza personale del suo conquistatore e Carlo X acconsentì ad essere suo ospite per tre giorni, dal 3 marzo al 5 marzo, al Palazzo di Frederiksborg. Splendidi banchetti che duravano fino a tarda notte e conversazioni intime tra principi appena usciti da una lotta mortale sembravano presagire per il futuro solo pace e amicizia. Ma l'insaziabile sete di conquista di Carlo e il suo inestirpabile sospetto nei confronti della Danimarca lo indussero a tentare di eliminare un vicino scomodo senza alcuna ragione ragionevole o dichiarazione di guerra, a dispetto di tutti gli standard internazionali di comportamento accettabile da parte dei governanti. Il terrore fu il primo sentimento suscitato a Copenaghen dallo sbarco del principale esercito svedese a Korsør in Zelanda il 17 luglio 1658. Nessuno aveva previsto la possibilità di un attacco così improvviso e brutale, e tutti sapevano che la capitale danese era molto inadeguatamente fortificata e presidiato. Durante questa guerra, Federico raggiunse una grande popolarità presso il grande pubblico, poiché rimproverò il consiglio dei suoi consiglieri di fuggire da Copenaghen con le memorabili parole "Morirò nel mio nido" e guidò attivamente la difesa della città. L'8 agosto i rappresentanti di tutti gli stati della capitale hanno sottolineato la necessità di una vigorosa resistenza, e i cittadini di Copenaghen, guidati dal sindaco Hans Nansen, hanno protestato la loro incrollabile lealtà al re e la loro determinazione a difendere Copenaghen fino in fondo. I danesi avevano solo tre settimane di preavviso del pericolo imminente, e la vasta e fatiscente linea di difesa contava inizialmente solo 2000 difensori regolari. Ma il governo e il popolo hanno mostrato un'energia memorabile ed esemplare sotto la costante supervisione del re, della regina e del sindaco Nansen. All'inizio di settembre tutte le brecce erano riparate, le mura erano irte di cannoni e 7000 uomini erano in armi. A quel tempo la città era così forte che Carlo X, abbandonando la sua intenzione originaria di prendere il luogo d'assalto, iniziò un assedio regolare. Anche questo fu costretto ad abbandonare quando una flotta olandese ausiliaria rinforzò e rifornì la guarnigione e lo sconfisse il 29 ottobre nella battaglia del Sound. Gli olandesi contribuirono poi alla liberazione delle isole danesi nel 1659. In questo modo, la capitale danese aveva salvato la monarchia danese.3 La guerra terminò con il Trattato di Copenaghen del maggio 1660, che confermò la cessione di Scania, Halland e Blekinge dal Trattato di Roskilde, mentre Bornholm e parti dello Schleswig tornarono alla Danimarca. Ma fu Federico III a trarre maggior profitto dalla sua strenua difesa degli interessi comuni del paese e della dinastia. La tradizionale lealtà della classe media danese si trasformò in entusiasmo per il re personalmente, e per un breve periodo Federico si ritrovò l'uomo più popolare del suo regno. Sfruttò la sua popolarità realizzando il sogno di una vita e convertendo una monarchia elettiva in una monarchia assoluta con la Rivoluzione del 1660. Per garantire questa conversione istituì lo stato di emergenza del 1660 in Danimarca. Nella riunione degli Stati del settembre 1660, destinata a risolvere i problemi finanziari del dopoguerra, Federico mise l'uno contro l'altro i diversi Stati. Riuscì a ottenere il sostegno per la monarchia ereditaria, l'annullamento dell'Handfæstning e l'istituzione della monarchia assoluta per decreto. Durante gli ultimi dieci anni del suo regno, il re occupò nuovamente una posizione relativamente oscura mentre veniva edificata la nuova monarchia e il paese cercava di riprendersi dopo le guerre. Nuovi uomini entrarono nel governo, che fu segnato da una rivalità tra ministri e consiglieri come Hannibal Sehested e Kristoffer Gabel. Federico si concentrò sul cambiamento della struttura amministrativa da cancelleria a collegi turistici e sostituì le divisioni amministrative dei feudi con le contee amt. Durante questo periodo fu scritta nel 1665 Kongeloven (Lex Regia), la "costituzione" della monarchia assoluta danese. Nel 1665 Federico ebbe l'opportunità di ricambiare il favore agli olandesi impedendo alla marina britannica di prendere la flotta delle spezie delle Indie orientali, ma decise collaborare con gli inglesi. La flotta olandese aveva cercato rifugio in Norvegia e gli inglesi cercarono di persuadere il re a prendere lui stesso la flotta, sostenendo che valeva più dell'intero suo regno. Federico e gli inglesi effettivamente accettarono di saccheggiare la flotta, ma prima che la flotta danese raggiungesse Bergen, il comandante della fortezza aveva già messo in rotta le navi inglesi nella battaglia di Vågen. Federico III morì al Castello di Copenaghen e fu sepolto nella Cattedrale di Roskilde.

altro

 

10  monete nel gruppo
2

(3205 X 1594pixel, dimensione del file: ~1M)
Postato da: anonymous  2023-12-30
1659, Kindom of Denmark, Frederik III. Large Silver Krone (4 Mark) Coin. VF-aXF! Mint Year: 1659 Mint Place: Gluckstadt Denomination: 4 Mark (Krone)References: Davenport 203, KM-194.4a. Condition: Minor deposits, otherwise VF-aXF! Weight: 20.97gm ...

(1537 X 752pixel, dimensione del file: ~259K)
Postato da: anonymous  2018-11-22
1659, Kindom of Denmark, Frederik III. Silver 4 Mark (Krone) Coin. XF+ Mint Year: 1659 Mint Place: Copenhagen Denomination: 4 Mark (1 Krone) Reference: Davenport 3574, KM-194.4a ($525 in VF!) Condition: Light rusty deposits, minor mint-made planchet imperfections, a few contact-marks an ...

(3205 X 1588pixel, dimensione del file: ~806K)
Postato da: anonymous  2023-10-31
1660, Kindom of Denmark, Frederik III. Silver Krone (4 Mark) Coin. Top Pop 1/0! NGC AU-53! Mint Year: 1660 Mint Place: Gluckstadt Denomination: 4 Mark (Krone) Mint Master: Jacob Shiegelt (IS) References: Davenport 3574, KM-B43. Conditio ...

(1200 X 603pixel, dimensione del file: ~238K)
Postato da: anonymous  2015-08-25
Foreign Coins. Denmark , Frederik IV, krone, 1659, crowned F3 monogram, rev . crowned square-topped shield of arms, shield breaks circle at bottom (KM.194.4a; Dav.3574), some scratches by monogram, weak in places, toned, good very fine £250-300

(1500 X 751pixel, dimensione del file: ~233K)
Postato da: anonymous  2018-03-30
Dänemark. Frederik III. 1648-1670. Krone 1653. Davenport 3574, Hede 95 A.Sehr schön - vorzüglich

(1005 X 500pixel, dimensione del file: ~139K)
Postato da: anonymous  2015-03-01
Denmark. Krone, 1655. Dav-3574; KM-194.2b. Frederik III. Crowned F3 monogram. Toned. ANACS graded VF-35. Estimated Value $500 - 600 Categories: World Crowns and Minors

Venduta per: $5.0
SWEDEN 50 Ore 1880 - Silver .600 - F - 4168

Venduta per: $26.0
FRANCE 50 Centimes 1856BB - Silver .900 - VF - 4166

Venduta per: $5.0
FRANCE 1 Centime 1851A - Bronze - VF - 4164
Queste monete potrebbero interessarti
25 Ore Danimarca Argento Cristiano IX di Danimarca (1818-1906)
25 Ore Danimarca Argento Cristiano IX di ...
il gruppo ha   9 monete / 9 prezzi
10 Krone Danimarca Oro Cristiano X di Danimarca (1870 - 1947)
10 Krone Danimarca Oro Cristiano X di Da ...
il gruppo ha   9 monete / 8 prezzi
5 Krone Liechtenstein Argento Johann II, Prince of Liechtenstein (1840-1929)
5 Krone Liechtenstein Argento Johann II, ...
il gruppo ha   22 monete / 21 prezzi
2024-07-08 - Historical Coin Prices
3 Reichsmark Repubblica di Weimar (1918-1933) Argento
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-07-07 - New coin is added to 1 Rupee Kingdom of Italy (1861-1946) Argento Vittorio Emanue ...


    1 Rupee Kingdom of Italy (1861-1946) Argento Vittorio Emanue ...
il gruppo ha    6 monete / 5 prezzi



1912, Somalia (Italian Colony), Victor Emmanuel III. Silver Rupia Coin. Cleaned! Mint Year: 1912 Reference: KM-6. Mint Place: Rome Denomination: 1 Rupia Condition: Damaged surfaces (enviro ...
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete