1 Denaro Tunisia Argento

Metallo:
Stato:
Tunisia             
Periodo:
1970

1970, Tunisia, Habib Bourguiba. Moneta in argento da 1 dinaro (ESSAI).
Stato: Tunisia Data di zecca: 1970 Conio: 1.250 pz. Denominazione: 1 Dinar – Commemorativo dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) Materiale: Argento (.925) Peso: 18,08 g Diametro: 32 mm
Dritto: capo del presidente Bourguiba a sinistra. Legende bilingue sopra e sotto. Marcatura ESSAI in campo. Leggenda. HAIBIB BOURGUIBA / 1970 / PRESIDENTE DE LA REPUBLIQUE TUNISIENNE
Rovescio: albero di cocco, raccolto da un uomo seminudo, buoi e un trattore sullo sfondo. Legenda: 1 DINAR / RECOLTE ABONDANTE VIE PROSPERE
Habib Bourguiba (Habib Burqibah; 3 agosto 1903 – 6 aprile 2000) è stato uno statista tunisino, fondatore e primo presidente della Repubblica tunisina dal 25 luglio 1957 al 7 novembre 1987. È spesso paragonato al leader turco Mustafa Kemal Atatürk a causa delle riforme filo-occidentali attuate durante la sua presidenza.
Il più giovane di otto fratelli e sorelle, Habib Bourguiba è nato il 3 agosto 1903 a Monastir, 100 miglia a sud di Tunisi. Bourguiba ha frequentato la scuola a Tunisi al Collège Sadiki e poi al Lycée Carnot. Ottenne il diploma di maturità nel 1924 e andò all'Università di Parigi per studiare legge e scienze politiche. Mentre era a Parigi, Bourguiba adulto incontrò Mathilde Lorrain, la sua padrona di casa a quel tempo, che sposò nel 1927. La coppia ebbe il loro unico figlio, Habib Bourguiba, Jr. il 9 aprile 1927.
Nello stesso anno Bourguiba si laureò in Giurisprudenza e Scienze Politiche, e ritornò con la neonata famiglia in Tunisia dove si impegnò subito nella vita politica aderendo nel 1928 a due giornali: l'Etendard Tunisien (La bandiera tunisina) e Sawt At -Tunisi (La Voce Tunisina). Nel 1931, le autorità coloniali francesi lo perseguirono per il suo presunto "incitamento all'odio razziale". Successivamente, Bourguiba lanciò un giornale militante L'Action Tunisienne, gettando le basi per un'azione forte contro il potere coloniale.
Come membro del comitato esecutivo del partito Destour, Bourguiba si trovò meno in sintonia con la visione dominante del partito, culminata nell'incidente di Monastir dell'8 agosto 1933 relativo alla sepoltura di un cittadino tunisino naturalizzato. Bourguiba fu costretto a dimettersi dal comitato, il che portò alla creazione del partito Neo Destour a Ksar Hellal il 2 marzo 1934 con Bourguiba come segretario generale dell'Ufficio politico. Da quel momento Bourguiba iniziò ad attraversare il paese per cercare di arruolare la maggior parte dei tunisini provenienti dalle campagne; e creare così una base più popolare per il suo partito appena formato tanto che riuscì in un paio d'anni a creare più di 400 rami (cellule) del Neo Destour.
Nel settembre 1934, il rappresentante coloniale (Residente Generale), signor Peyrouton, ordinò che Bourguiba fosse confinato a Borj-Leboeuf, un luogo remoto al confine del deserto del Sahara, fino all'aprile 1936 quando fu rilasciato con la maggior parte dei suoi compagni. Dopo la rivolta popolare del 9 aprile 1938, in cui le truppe coloniali aprirono il fuoco sui manifestanti uccidendo e ferendo centinaia di civili, Bourguiba fu nuovamente incarcerato il 10 giugno 1939 insieme ad un gruppo di militanti con l'accusa di complotto contro la sicurezza dello Stato e di incitamento alla guerra civile.
Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Bourguiba fu trasferito nella prigione di Teboursouk e poi, nel maggio 1940, nell'Haut Fort Saint Nicholas vicino a Marsiglia fino al 18 novembre 1942 dove fu portato al Fort Montluc a Lione. Dopo di che finì a Fort Vancia nell'Ain finché i tedeschi non lo liberarono e lo portarono a Chalon-sur-Saône. In una manovra dei tedeschi e del regime fascista italiano per ottenere l'alleanza di Bourguiba, fu ricevuto con tutti gli onori a Roma, nel gennaio 1943, ma senza alcun risultato; il Ministero degli Affari Esteri italiano ha cercato di ottenere una dichiarazione a loro favore; alla vigilia del suo ritorno in patria, ha accettato di portare al popolo tunisino un messaggio tramite "Radio Bari", mettendolo in guardia contro "tutti gli appetiti". Al suo ritorno a Tunisi, il 7 aprile 1943, fece in modo che il messaggio lanciato dalla sua prigione nell'agosto 1942 arrivasse sia alla popolazione che ai militanti, che la Germania era destinata a perdere la guerra e che l'indipendenza della Tunisia non sarebbe stata altro che un passo avanti. venire dopo la vittoria degli Alleati. Ha sottolineato la sua posizione ponendola come una questione di vita o di morte per la Tunisia.
Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, Bourguiba, dopo molti sterili tentativi di aprire un dialogo con le autorità francesi, arrivò alla conclusione che la causa tunisina doveva essere portata all'attenzione dell'opinione mondiale. Nel marzo del 1945 lasciò segretamente Sfax, su una piccola barca di pescatori, diretto in Libia, e da lì, a piedi e a dorso di cammello, riuscì a raggiungere il Cairo, che utilizzò come base per la sua attività internazionale. Ha preso parte alla creazione dell'Ufficio del Grande Maghreb. Ha viaggiato continuamente nei diversi paesi arabi membri della neonata Lega Araba, in Europa (Svizzera, Belgio), in Asia (Pakistan, India, Indonesia) e negli Stati Uniti per promuovere l'aspirazione tunisina all'indipendenza e ha incontrato personalità alte e influenti personalità per aiutare la causa tunisina. L'8 settembre 1949 Bourguiba tornò a Tunisi per riorganizzare il Partito e riprendere la sua politica di contatto diretto con la popolazione visitando piccole città e villaggi in tutto il Paese.
Nell'aprile 1950 elaborò un programma in sette punti volto a porre fine al sistema di amministrazione diretta in Tunisia e a ripristinare la piena sovranità tunisina come passo finale verso uno stato indipendente. Nel 1951 intraprese una seconda serie di viaggi per promuovere il suo programma a livello internazionale. Alla luce del rifiuto del governo francese di cedere alle rivendicazioni nazionali, Bourguiba indurì la sua posizione e invocò una resistenza illimitata e un'insurrezione generale. Questa tattica portò al suo arresto il 18 gennaio 1952 e alla sua reclusione a Tabarka, poi a Remada, poi a La Galite e infine all'isola di Groix presso il castello di Ferté.
Pierre Mendès-France divenne primo ministro francese nel 1954; le sue posizioni sulle politiche coloniali francesi aprirono le porte all'autogoverno tunisino. Il 1 giugno 1955 vide il ritorno di Bourguiba. L'"Accordo di autonomia interna" è stato un grande passo verso l'indipendenza totale. Dopo diverse ardue trattative, l'indipendenza fu proclamata il 20 marzo 1956, con Habib Bourguiba presidente dell'"Assemblea Nazionale Costituente" e capo del governo. Allo stesso tempo, ha agito come Ministro degli Affari Esteri della Tunisia.
Il 25 luglio 1957 fu proclamata la repubblica, abolendo la monarchia e investendo Bourguiba del potere di presidente della repubblica. La lunga e potente presidenza di Bourguiba è stata determinante per la creazione dello stato e della nazione tunisina.
Dopo un esperimento fallito di politiche economiche socialiste, Bourguiba si imbarcò, a partire dai primi anni ’70, in un modello di sviluppo economicamente liberale guidato dal suo primo ministro, Hédi Nouira, per un periodo di dieci anni. Ciò ha portato alla fioritura delle imprese private e al consolidamento del settore privato.
Sul fronte internazionale, Bourguiba assunse una posizione filo-occidentale durante la Guerra Fredda, ma con una politica estera indipendente strenuamente difesa che sfidò la leadership della Lega Araba del presidente egiziano Nasser. Nel marzo 1965 pronunciò lo storico discorso di Gerico in cui sosteneva una pace giusta e duratura tra palestinesi e israeliani basata sulla risoluzione delle Nazioni Unite del 1947 che proponeva due stati.
Bourguiba firmò un accordo con il leader libico Muammar Gheddafi per unire le nazioni nel 1974. Il patto fu una sorpresa perché Bouguiba aveva respinto offerte simili più di due anni prima. Alcune settimane dopo l’accordo, ha rinviato un referendum sulla questione, ponendo fine alla questione settimane dopo. L'idea di fondere gli stati era altamente impopolare in Tunisia e costò a Bourguiba gran parte del rispetto del suo popolo. Si diceva che l'accordo avrebbe consentito a Bourguiba la presidenza mentre Gheddafi sarebbe stato ministro della Difesa.
Nel marzo 1975, l’Assemblea nazionale tunisina votò, in via eccezionale, Bourguiba presidente a vita. Negli anni '80 Bourguiba si impegnò per combattere sia la povertà che la crescente opposizione islamica, guidata dal partito Nahda.
Nel 1979 Tunisi divenne il quartier generale della Lega Araba dopo gli accordi di Camp David e nel 1982 accolse a Tunisi la leadership dell'Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), dopo che questa era stata estromessa da Beirut durante la guerra civile libanese.
Il 1° ottobre 1985 Israele lanciò un attacco contro il quartier generale dell'OLP vicino a Tunisi. Le forze armate tunisine non sono riuscite a impedire la distruzione totale della base. Sebbene la maggior parte dei morti fossero membri dell'OLP, ci furono vittime tra i civili tunisini. Di conseguenza, Bourguiba ridusse significativamente le relazioni con gli Stati Uniti.
Il 7 novembre 1987 il primo ministro Zine El Abidine Ben Ali, con un colpo di stato, dichiarò sotto accusa per motivi medici il presidente Habib Bourguiba e lo sostituì costituzionalmente alla presidenza della Tunisia, sulla base di una lettura rigorosa dell'articolo 57.
Le riforme del governo Bourguiba includono l'emancipazione femminile, l'istruzione pubblica, la pianificazione familiare, un moderno sistema sanitario statale, una campagna per migliorare l'alfabetizzazione, l'organizzazione amministrativa, finanziaria ed economica, la soppressione del "Waqf" (aka "proprietà congelata") e costruire le infrastrutture del paese. Gran parte della riforma va al suo consigliere, Cecil Hourani, che, a merito di Bourguiba, è stato scelto da lui.
Durante il periodo in cui Bourguiba era presidente, l’istruzione era una priorità assoluta. Bourguiba promosse anche i diritti delle donne come un modo per ottenere il sostegno occidentale al suo regime durante la Guerra Fredda. Sebbene questi costituissero importanti precedenti legali vietando la poligamia, ampliando l’accesso delle donne al divorzio e innalzando l’età in cui le ragazze potevano sposarsi a 17 anni, allo stesso tempo ha vietato ai gruppi per i diritti delle donne di organizzarsi. Il nuovo Codice sullo statuto personale approvato nell'agosto 1956 ha ampliato i diritti delle donne, anche se rimane aperto il dibattito su quanto questo abbia trasformato nella pratica la società tunisina. In particolare, il Codice istituzionalizza anche il ruolo del padre come capofamiglia. Dopo l'indipendenza, il Consiglio della comunità ebraica tunisina è stato abolito dal governo e molte aree ed edifici ebraici sono stati distrutti per "rinnovamento urbano".
Bourguiba rimase presidente della Tunisia fino al 7 novembre 1987, quando il suo nuovo primo ministro e successore costituzionale Zine El Abidine Ben Ali lo mise sotto accusa, sostenendo che la sua vecchiaia e motivi di salute certificati dai suoi stessi medici lo rendevano inadatto a governare. Lo stesso Ali fu rovesciato nel 2011 durante la prima rivolta della Primavera Araba.
Bourguiba ha vissuto a Monastir sotto la protezione del governo nel palazzo del governatore negli ultimi 13 anni della sua vita.
Nel 1925, Habib Bourguiba incontrò la sua futura moglie, Mathilde Lorrain, a Parigi mentre studiava legge alla Sorbona. Si convertì all'Islam e scelse il nome Moufida Bourguiba. Gli diede un figlio: Habib Bourguiba, Jr. nell'aprile 1927. In un secondo matrimonio, sposò l'influente Wassila Ben Ammar e adottò una figlia, Hajer Bourguiba.
Bourguiba morì il 6 aprile 2000 all'età di 96 anni. Fu sepolto con gli onori nazionali l'8 aprile 2000 in un mausoleo a Monastir.

altro

 

7  monete nel gruppo
2

(3205 X 1546pixel, dimensione del file: ~732K)
Postato da: anonymous  2024-03-01
TUNISIA 1 Dinar 1970 - Silver .680 - FAO - aUNC - 3279

(1077 X 511pixel, dimensione del file: ~121K)
Postato da: anonymous  2016-09-20
1970, Tunisia, Habib Bourguiba. Pattern Silver 1 Dinar (ESSAI) Coin. XF-AU! State: Tunisia Mint Date: 1970 Mintage: 1,250 pcs. References: KM-E34 ($50). Condition: A nice lustre XF-AU! Denomination: 1 Dinar - Food and Agriculture Organisation (FAO) commemorative Material: Silver ( ...

(1125 X 420pixel, dimensione del file: ~91K)
Postato da: anonymous  2017-06-20
TUNISIA 1970 1 Dinar FAO Silver AU-UNC

(1200 X 591pixel, dimensione del file: ~236K)
Postato da: anonymous  2015-08-22
† Modern Islamic Coins, Tunisia, Sultanate, 8-Kharub (KM 158); French Protectorate Coinage, Muhammad al-Nasir Bey, Silver 2-Francs to 5-Centimes (KM 239-235), Nickel-bronze 25-Centimes to 5-Centimes (KM 260-258), 5-Centimes (KM 245); Ahmad Pasha Bey, Silver 20-Francs to Copper 5-Centimes (KM 26 ...

(1125 X 420pixel, dimensione del file: ~115K)
Postato da: anonymous  2014-10-21
TUNISIA 1970 1 Dinar FAO Silver UNC

(1125 X 420pixel, dimensione del file: ~100K)
Postato da: anonymous  2014-11-18
TUNISIA 1970 1 Dinar FAO Silver UNC

Venduta per: $14.0
Info: https://www.ebay.com/itm/364890804023 2024-05-23
FRANCE 1 Franc 1888A - Silver .835 - VF - 361

Venduta per: $23.0
Info: https://www.ebay.com/itm/276465311875 2024-05-23
FRANCE 5 Francs 2001 - Silver 0.900 - Last Year of the Franc - aUNC - 398

Venduta per: $7.0
Info: https://www.ebay.com/itm/364885958356 2024-05-19
FRANCE 1 Franc 1895A - Silver .835 - VF- 322
Queste monete potrebbero interessarti
1 Denaro Tunisia Argento
1 Denaro Tunisia Argento
il gruppo ha   19 monete / 19 prezzi
20 Denaro Regno di Jugoslavia (1918-1943) Oro Alexander I of Yugoslavia (1888 - 1934)
20 Denaro Regno di Jugoslavia (1918-1943 ...
il gruppo ha   29 monete / 29 prezzi
2024-06-12 - Miglioramenti del Catalogo Live delle Monete / description improving

15 coin descriptions were improved from 2024-06-05 to 2024-06-12
Una di queste è:

    5 Lev Bulgaria Argento
il gruppo ha   

2024-06-03 - Historical Coin Prices
1 Cent Stati Uniti d'America (1776 - ) Tin/Rame/Zinco
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete