1 Baiocco Stato Pontificio (752-1870) Rame Papa Pio VII (1742 -1823)

Metallo:
Periodo:
1802

Persona:
Papa Pio VII (1742 -1823)             
Codice sul catalogo:

Vaticano, Papa Pio VII. Bellissima moneta Baiocco in Rame.
Luogo di zecca: Roma Anno di zecca: 1801 (MDCCCI)
Riferimento: CNI 10, Paga. 77, Sera. 56, Berm. 3236, KM-1267. Denominazione: Baiocco – Appropriazione papale della Basilica di San Giovanni in Laterano! Materiale: rame Peso: 11,79 g Diametro: 34 mm Recto: scudo, sormontato da tiara, chiavi incrociate sullo sfondo. Legenda: SACROSANCTAE BASILICAE LATERANENSIS POSSESSO. Commento: Il Papa prese come sua sede la Basilica di San Giovanni in Laterano il 24 novembre 1801. Esergo: BAIOCCO (Valore) Rovescio: Legenda su quattro righe, anno e, tre teste di moro sotto. Legenda: PIVS / SEPTIMVS / PONTIFEX / MAXIMVS i. A.: MDCCCI La Basilica di San Giovanni in Laterano (italiano: Basilica di San Giovanni in Laterano) è la cattedrale della chiesa di Roma e la sede ecclesiastica ufficiale del Vescovo di Roma, che è il Papa. Ufficialmente denominata Archibasilica Sanctissimi Salvatoris et Sancti Iohannes Baptista et Evangelista in Laterano ("Arcibasilica del Santissimo Salvatore, San Giovanni Battista e San Giovanni Evangelista al Laterano", è la più antica e si colloca al primo posto (essendo la cattedrale di Roma ) tra le quattro basiliche maggiori di Roma, e detiene il titolo di chiesa madre ecumenica (chiesa madre di tutto il mondo abitato) tra i cattolici romani. Un'iscrizione sulla facciata, Christo Salvatore, dedica il Laterano come Arcibasilica del Santissimo Salvatore,. poiché le cattedrali di tutti i patriarchi sono dedicate a Cristo stesso In quanto cattedrale del vescovo di Roma, contenente il trono papale (Cathedra Romana), si colloca al di sopra di tutte le altre chiese della Chiesa cattolica romana, anche al di sopra della Basilica di San Pietro in Vaticano. Vaticano Papa Pio VII, OSB (14 agosto 1740-20 agosto 1823), nato conte Barnaba Niccolò Maria Luigi Chiaramonti, fu papa dal 14 marzo 1800 al 20 agosto 1823. Chiaramonti nacque a Cesena, figlio del conte. Scipione Chiaramonti; la madre, Giovanna Chiaramonti, era figlia del marchese Ghini ed era imparentata con la famiglia Braschi. Entrò nell'ordine benedettino nel 1756 presso l'Abbazia di S.Maria del Monte di Cesena e cambiò il suo nome in Gregorio. Divenne poi insegnante nei collegi benedettini di Parma e Roma. La sua carriera divenne una serie di promozioni in seguito all'elezione di un amico di famiglia, Giovanni Angelo Braschi, a Papa Pio VI (1775–99). Nel 1776 Pio VI nominò abate onorario in commenda del suo monastero, Barnaba, 34 anni, che aveva insegnato nel monastero di S. Anselmo a Roma, alle lamentele dei confratelli. Dopo averlo nominato vescovo di Tivoli, vicino a Roma, Pio VI lo nominò cardinale e vescovo di Imola nel febbraio 1785. Da quando le forze francesi invasero l'Italia nel 1797, il cardinale ammonì alla temperanza e alla sottomissione alla Repubblica Cisalpina. Nell'omelia del Natale di quell'anno 1797 affermò che non c'era opposizione tra una forma di governo democratica e l'essere un buon cattolico: "Siate buoni cattolici e sarete buoni democratici", disse il vescovo. Dopo la morte di Pio VI, praticamente prigioniero della Francia, avvenuta a Valence nell'agosto 1799, il conclave si riunì il 30 novembre 1799 nel monastero benedettino di San Giorgio a Venezia. C'erano tre candidati principali, due dei quali si rivelarono inaccettabili per gli Asburgo, il cui candidato, il cardinale Alessandro Mattei, non riuscì a ottenere voti sufficienti. Dopo diversi mesi di stallo, Chiaramonti è stato eletto candidato di compromesso. Fu eletto Papa Pio VII a Venezia il 21 marzo 1800 con un'incoronazione piuttosto insolita, indossando una tiara papale di cartapesta, l'originale essendo stata sequestrata dai francesi insieme a Pio VI. Poi una nave austriaca, la "Bellona", lo portò a Pesaro, da dove raggiunse Roma via terra. Uno dei primi atti di Pio VII fu quello di nominare Ercole Consalvi, che aveva svolto le funzioni di segretario del recente conclave, al collegio cardinalizio e alla carica di segretario di Stato. Dall'inizio del suo pontificato fino alla caduta di Napoleone I Bonaparte nel 1815, Pio VII sarà completamente coinvolto con la Francia. Lui e Napoleone furono continuamente in conflitto, spesso coinvolgendo i desideri del capo militare francese di concessioni alle sue richieste, mentre il Papa, sebbene cedesse quasi sempre a Napoleone, voleva solo il ritorno dello Stato Pontificio, e più tardi la liberazione di Napoleone. i 13 cardinali neri insieme a diversi ecclesiastici, monaci, monache, preti esiliati o imprigionati, i suoi vari sostenitori inclusi i suoi segretari di stato e la sua stessa liberazione dall'esilio. Napoleone si rese conto dell'importanza della religione come mezzo per aumentare l'obbedienza e il suo controllo sul popolo francese. Fu solo quando il conclave dei cardinali si riunì per eleggere un nuovo papa che Napoleone decise di seppellire papa Pio VI, morto diverse settimane prima, con una vistosa cerimonia nel tentativo di attirare l'attenzione della chiesa cattolica. Ciò portò infine al Concordato del 1801 negoziato da Ercole Consalvi, segretario di stato del Papa, che riorganizzò il legame tra la Chiesa francese e Roma. Ma il Concordato conteneva anche gli “Articoli Organici” che Consalvi aveva ferocemente negato a Napoleone, ma che quest'ultimo aveva comunque instaurato. Contro il desiderio della maggior parte della Curia, Pio VII si recò a Parigi per l'incoronazione di Napoleone nel 1804. Sebbene al Papa e al papato fossero stati promessi numerosi doni di lusso e donazioni in denaro, il Papa aveva inizialmente rifiutato la maggior parte di queste offerte. Alla fine, Napoleone fu d'accordo ma produsse una tiara papale, che presentava come gioiello principale quella che era stata precedentemente confiscata da Napoleone a Papa Pio VI. Il papato aveva subito una grave perdita di terre ecclesiastiche a causa delle secolarizzazioni nel Sacro Romano Impero in seguito alla pace di Lunéville (1801), quando un certo numero di principi tedeschi erano stati compensati per le loro perdite con il sequestro delle proprietà ecclesiastiche. Qualunque speranza Pio VII potesse avere con Napoleone, lo Stato Pontificio alla fine fu preso dai francesi intorno al 1808, e quando Napoleone fu successivamente scomunicato, uno dei suoi ufficiali vide un'opportunità per ottenere elogi. Sebbene Napoleone avesse catturato Castel Sant'Angelo e intimidito il Papa puntando i cannoni contro la sua camera da letto papale, non ordinò a uno dei suoi luogotenenti più ambiziosi, il tenente Radet, di rapire il Papa. Eppure, una volta prigioniero Pio VII, Napoleone non offrì la sua liberazione; il Papa sarebbe stato trasferito attraverso i territori di Napoleone, a volte in grave malattia, anche se la maggior parte della sua prigionia sarebbe avvenuta a Savona. Napoleone inviò diverse delegazioni di suoi sostenitori per fare pressione sul Papa su varie questioni, dalla rinuncia al suo potere alla firma di un nuovo concordato con la Francia. Il Papa rimase in prigione per oltre sei anni e non tornò a Roma fino al 24 maggio 1814, quando le forze alleate liberarono il Papa mentre inseguivano le forze napoleoniche. Il Papa, in un'ultima considerazione sulla situazione, fece scrivere al suo segretario una lettera al governo britannico chiedendo un migliore trattamento dell'imperatore esiliato a Sant'Elena. Una delle righe finali della nota diceva: "Non può più rappresentare un pericolo per nessuno. Non vorremmo che diventasse motivo di rimorso". Al Congresso di Vienna (1814–1815) lo Stato Pontificio fu in gran parte restaurato. Il papa si è rallegrato. I Gesuiti furono restaurati; furono ripristinati l'Indice e l'Inquisizione. Gli ebrei romani dovettero ritornare nel ghetto. Eppure offrì volentieri rifugio nella sua capitale ai membri della famiglia Bonaparte. Lì viveva la principessa Letizia, la madre dell'imperatore deposto; lo stesso fecero i suoi fratelli Lucien e Louis e suo zio, il cardinale Fesch.

altro

 

5  monete nel gruppo

(1005 X 475pixel, dimensione del file: ~109K)
Postato da: anonymous  2015-07-21
1801, Vatican, Pope Pius VII. Beautiful Copper Baiocco Coin. VF- Mint Place: Rome Mint Year: 1801 (MDCCCI) Condition: Damaged (pitted by corrosion), therwise VF. Reference: CNI 10, Paga. 77, Sera. 56, Berm. 3236, KM-1267. Denomination: Baiocco - Papal appropriation of the Basilica of St. John ...

(1057 X 501pixel, dimensione del file: ~113K)
Postato da: anonymous  2015-04-14
1802, Vatican, Pope Pius VII. Beautiful Large Copper Baiocco Coin. XF! Condition: XF! Mint Place: Rome Reference: KM-1267. Denomination: Baiocco Mint Year: 1802 (MDCCCII) Material: Copper Weight: 10.25gm Diameter: 34mm Obverse: Shield, topped by tiara. Crossed keys in background ...

(1005 X 476pixel, dimensione del file: ~100K)
Postato da: anonymous  2014-06-11
1815, Vatican, Pope Pius VII. Beautiful Copper Baiocco Coin. VF Condition: VF Mint Place: Bologna Denomination: Baiocco Mint Year: 1815 (MDCCCXV) Reference: KM-1267 ($50 in VF!). Material: Copper Weight: 12.05gm Diameter: 33mm Obverse: Shield, topped by tiara. Crossed keys in b ...

(1005 X 470pixel, dimensione del file: ~89K)
Postato da: anonymous  2014-09-02
1802, Vatican, Pope Pius VII. Large Copper Baiocco Coin. VF Condition: VF Mint Place: Rome Reference: KM-1267. Denomination: Baiocco Mint Year: 1802 (MDCCCII) Material: Copper Weight: 11.18gm Diameter: 34mm Obverse: Shield, topped by tiara. Crossed keys in background. Legend: PO ...

(1205 X 600pixel, dimensione del file: ~129K)
Postato da: gcoins  2010-08-24
Папская область 1 байоччо (1802 г.) Медь Папа Пий VII. Номер по краузе #1267

Venduta per: $9.0
ITALY 1 Lira 1902 R - Silver 0.835 - Vittorio Emanuele III. - VF - 3124 *

Venduta per: $21.0
TURKEY 150 Lira 1979 - Silver 0.8 - F.A.O. - aUNC - 3347 *

Venduta per: $8.0
VATICAN 1 Lira 1942 - Stainless Steel - XF - 3605
Queste monete potrebbero interessarti
2.5 Scudo Stato Pontificio (752-1870) Oro Papa Pio IX (1792- 1878)
2.5 Scudo Stato Pontificio (752-1870) Or ...
il gruppo ha   15 monete / 13 prezzi
1 Scudo Stato Pontificio (752-1870) Argento
1 Scudo Stato Pontificio (752-1870) Argento
il gruppo ha   4 monete / 3 prezzi
2024-07-08 - New coin is added to 20 Para Montenegro Nichel Nicola I del Montenegro


    20 Para Montenegro Nichel Nicola I del Montenegro
il gruppo ha    4 monete / 3 prezzi



MONTENEGRO 20 Para 1914 - Nickel - Nikola I. Petrovic - aUNC - 2588
2024-07-08 - Historical Coin Prices
2 Stuiver Paesi Bassi Argento
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete