10 Franc Belgio Nichel Alberto I del Belgio / Leopoldo I del Belg ...

1930, Regno del Belgio, Alberto I. Moneta rara da 10 franchi in nichel Anno di zecca: 1930 Luogo di zecca: Bruxelles Riferimento: KM-99 Denominazione: 10 franchi – Centenario dell'Indipendenza (1830-1930) Peso: 17,76 g Diametro: 34 mm Materiale: nichel dritto : Teste congiunte dei primi tre re del Regno (Leopoldo I, Leopoldo II e Alberto I) sopra le date dell'anniversario (1830-1930). Legenda: LEOPOLDO I . LEOPOLDO II. ALBERTO. 1830-1930 . Rovescio: Legende francesi in sei righe con grande valore centrale (10 FRANCHI), delimitato da raggi di oliva. Firma del designer (BENNETAIN) sotto. Leggenda: ROYAUME DE BELGIQUE 10 FRANCS OU DEUX BELGAS Alberto I (8 aprile 1875 – 17 febbraio 1934) regnò come re dei Belgi dal 1909 al 1934. Nato Albert Léopold Clément Marie Meinrad (in tedesco Albrecht Leopold Clemens Marie Meinrad ) a Bruxelles, era il quinto figlio e il secondo figlio maschio del principe Filippo, conte delle Fiandre, e di sua moglie, la principessa Maria di Hohenzollern-Sigmaringen. Il principe Filippo era il terzo figlio (il secondo sopravvissuto) di Leopoldo I, il primo re dei Belgi, e di sua moglie, Maria Luisa di Francia, e il fratello minore del re Leopoldo II del Belgio. La principessa Marie era una parente del Kaiser Guglielmo II di Germania e un membro del ramo cattolico non regnante della famiglia Hohenzollern. Alberto crebbe nel Palazzo delle Fiandre, inizialmente come quarto nella linea di successione al trono belga. Quando, tuttavia, l'unico figlio legittimo di suo zio, Leopoldo II, morì bambino, e anche il fratello maggiore di Alberto, il principe Baldovino del Belgio, che era stato successivamente preparato al trono, morì giovane, Alberto, all'età di 16 anni. , divenne inaspettatamente l'erede presunto (dopo suo padre) della corona belga. Riservato e studioso, Alberto si preparò strenuamente per il compito della regalità. Nella sua giovinezza, Albert era seriamente interessato alla situazione delle classi lavoratrici in Belgio e viaggiava personalmente in incognito nei quartieri operai, per osservare le condizioni di vita delle persone (Bronne). Poco prima della sua ascesa al trono nel 1909, Alberto intraprese un lungo tour del Congo Belga, che era stato annesso al Belgio nel 1906, trovando l'area in pessime condizioni. Al suo ritorno in Belgio, raccomandò riforme per proteggere la popolazione nativa e per promuovere il progresso tecnologico nella colonia (Graham). Era il 1.152° Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro in Austria e l'851° Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera nel 1914. Albert si sposò a Monaco il 2 ottobre 1900 con la duchessa Elisabeth Gabrielle Valérie Marie in Baviera, una Wittelsbach principessa che aveva incontrato a un funerale di famiglia. Figlia di Carlo Teodoro, duca di Baviera, e di sua moglie, l'infanta Maria Giuseppina del Portogallo, nacque al castello di Possenhofen, Baviera, Germania, il 25 luglio 1876 e morì il 23 novembre 1965. Sulla base delle lettere scritte durante il fidanzamento e il matrimonio (ampiamente citato nelle memorie della figlia Marie-José) la giovane coppia sembra essere stata profondamente innamorata. Le lettere esprimono un profondo affetto reciproco fondato su una rara affinità di spirito (Regolo). Inoltre chiariscono che Alberto ed Elisabetta si sostenevano e incoraggiavano continuamente a vicenda nei loro ruoli stimolanti e difficili di Re e Regina. I coniugi condividevano un intenso impegno per il proprio Paese e la propria famiglia e un vivo interesse per il progresso umano in ogni sua forma. Insieme coltivarono l'amicizia di eminenti scienziati, artisti, matematici, musicisti e filosofi, trasformando la loro corte di Laeken in una sorta di salotto culturale (Marie-José, Regolo). Alla morte di suo zio, Leopoldo II, Alberto salì al trono belga nel dicembre 1909. I precedenti re belgi avevano prestato giuramento di adesione reale solo in francese; Albert ha innovato portandolo anche in olandese (Bronne). Lui e sua moglie, la regina Elisabetta, erano popolari in Belgio per il loro stile di vita semplice e senza pretese e per la vita familiare armoniosa, che era in netto contrasto con il modo distaccato e autocratico e la vita privata irregolare di Leopoldo II. Un aspetto importante dei primi anni del regno di Alberto fu l'istituzione di numerose riforme nell'amministrazione del Congo Belga, l'unico possedimento coloniale del Belgio (Keyes). Re Alberto era un devoto cattolico (d'Ydewalle, Regolo, Gérard). Molte storie illustrano la sua profonda e tenera pietà. Ad esempio, quando il suo ex precettore, il generale De Grunne, entrò in vecchiaia nel monastero benedettino di Maredsous, in Belgio, il re Alberto gli scrisse una lettera in cui parlava della gioia di donarsi a Dio (d'Ydewalle ). Ha detto: "Che tu possa trascorrere molti anni a Maredsous nel supremo conforto dell'anima che è dato alle nature toccate dalla grazia, dalla fede nell'infinita potenza di Dio e dalla fiducia nella Sua bontà" (Gérard). Ad un altro amico, un Diplomatico cinese, divenuto monaco cattolico, Alberto scrive: "Consacrarsi interamente al servizio di Nostro Signore dona, a chi è toccato dalla grazia, la pace dell'anima che è la felicità suprema quaggiù" (Gérard). Alberto diceva ai suoi figli: "Come nutri il tuo corpo, così dovresti nutrire la tua anima" (Regolo). In un'interessante meditazione su ciò che considerava il danno che sarebbe derivato dall'abbandono degli ideali cristiani in Belgio, ha detto: "Ogni volta che la società si è allontanata dal Vangelo, che predicava l'umiltà, la fraternità e la pace, la gente è stata infelice , perché la civiltà pagana dell'antica Roma, alla quale volevano sostituirla, si basa solo sull'orgoglio e sull'abuso della forza" ( Discorso commemorativo per i caduti della battaglia dell'Yser, pronunciato da Dom Marie-Albert, abate di Orval, Belgio, nel 1936). All'inizio della prima guerra mondiale, Alberto resistette alla richiesta illegale tedesca di spostare truppe attraverso il Belgio neutrale per attaccare la Francia. Il rifiuto di consentire il passaggio delle truppe si basava sul rispetto del diritto internazionale e sulla preoccupazione per l'equilibrio di potere in Europa, che, all'epoca, richiedeva che il Belgio fosse una zona cuscinetto neutrale tra Germania, Francia e Gran Bretagna. (Bronne, Graham, Keyes, Thielemans). Difendendo gli equilibri di potere, re Alberto protesse anche gli interessi del Belgio, poiché una piccola nazione poteva facilmente cadere preda di una grande potenza che diventasse troppo forte (Thielemans). Come è noto, Albert rispose al desiderio tedesco di spostare i soldati attraverso il suo paese: "Io governo una nazione, non una strada!" Quando successivamente la Germania invase il Belgio, re Alberto, come prescritto dalla costituzione belga, prese il comando personale dell'esercito belga e tenne lontani i tedeschi abbastanza a lungo da consentire a Gran Bretagna e Francia di prepararsi alla battaglia della Marna (6-9 settembre 1914). . Condusse il suo esercito attraverso l'assedio di Anversa e la battaglia dell'Yser, quando l'esercito belga fu respinto in un'ultima, minuscola striscia di territorio belga, vicino al Mare del Nord. Qui i belgi, in collaborazione con gli eserciti della Triplice Intesa, intrapresero una guerra di posizione, nelle trincee dietro il fiume Yser, rimanendovi per i successivi quattro anni. Durante questo periodo, il re Alberto combatté con le sue truppe e ne condivise i pericoli, mentre sua moglie, la regina Elisabetta, lavorava come infermiera al fronte. Il re permise anche al figlio quattordicenne, il principe Leopoldo, di arruolarsi nell'esercito belga come soldato semplice e di combattere nei ranghi (Graham, Keyes). La guerra causò grandi sofferenze al Belgio, che fu sottoposto ad una dura occupazione tedesca. Il re, temendo gli effetti distruttivi della guerra per il Belgio e l'Europa e sconvolto dall'enorme tasso di vittime, lavorò attraverso canali diplomatici segreti per una pace negoziata tra la Germania e l'Intesa basata sul concetto "nessun vincitore, nessun vinto". Riteneva che una tale risoluzione del conflitto tutelasse al meglio gli interessi del Belgio e la futura pace e stabilità dell'Europa. Poiché, tuttavia, né la Germania né l'Intesa erano favorevoli all'idea, tendendo invece a cercare la vittoria totale e la resa incondizionata del nemico, i tentativi di Alberto di promuovere una pace negoziata fallirono. In considerazione della sua disapprovazione per l'ampiezza degli obiettivi bellici alleati, il re Alberto avrebbe potuto prendere in considerazione la conclusione di una pace separata con la Germania, se l'indipendenza del Belgio potesse essere assicurata e il paese uscito dalla guerra in sicurezza. L'atteggiamento della Germania, tuttavia, lo rese impossibile, poiché la Germania utilizzava il Belgio come leva per esercitare pressioni sull'Intesa, e quindi non era disposta a ripristinare la propria indipendenza (Thielemans). Alla fine della guerra, come comandante del Gruppo d'armate delle Fiandre, composto da divisioni belga, britannica e francese, Albert guidò l'offensiva finale della guerra che liberò il Belgio occupato. Il re Alberto, la regina Elisabetta e i loro figli rientrarono quindi a Bruxelles accolti da eroi. Al suo ritorno a Bruxelles, il re Alberto tenne un discorso in cui delineò le riforme che desiderava vedere attuate in Belgio, tra cui il suffragio universale e la creazione di un'università fiamminga a Gand. Nel 1918, creò un "Governo di Unione Nazionale" del dopoguerra composto da membri dei tre principali partiti belgi, cattolici, liberali e socialisti (Bronne, Keyes). Alberto I ricordava lo sciopero generale belga del 1913 e la promessa, successiva ad esso, di una riforma costituzionale a favore di un vero e proprio suffragio universale "un uomo, un voto" (il 18 aprile 1893, al termine dello sciopero generale belga del 1893, un suffragio universale il suffragio, votato dal Parlamento, dava voti plurali in base alla ricchezza, all'istruzione e all'età, ma non un vero e proprio suffragio universale1 ). Il re tentò di mediare tra i partiti favorevoli o contrari al suffragio universale per istituire il suffragio universale “un uomo, un voto” e ci riuscì. Alcuni hanno chiamato questa cospirazione di Loppem perché il suffragio “un uomo, un voto” è stato istituito senza modificare la costituzione belga. Re Alberto partecipò alla Conferenza di pace di Parigi, dove difese gli interessi del Belgio, insistendo sulle riparazioni di guerra per consentire al suo paese devastato di essere risanato economicamente, ma si oppose anche a una politica di eccessiva umiliazione della Germania sconfitta. Albert temeva che una tale politica avrebbe solo provocato la vendetta tedesca e portato a future guerre in Europa (Léopold III di Vincent Dujardin, Mark van den Wijngaert, et al.). Riteneva inoltre che la detronizzazione dei principi dell'Europa centrale e, in particolare, la dissoluzione dell'Impero asburgico costituirebbero una seria minaccia per la pace e la stabilità del continente (d'Ydewalle). Le sue opinioni, tuttavia, non hanno prevalso nelle decisioni della Conferenza di pace. Alberto trascorse gran parte del resto del suo regno assistendo alla ricostruzione postbellica del Belgio. Albert era un ambientalista impegnato e nel 1925, influenzato dalle idee di Carl E. Akeley, fondò il primo parco nazionale africano, ora noto come Parco Nazionale Virunga, nell'attuale Repubblica Democratica del Congo. Durante questo periodo fu anche il primo monarca europeo a visitare gli Stati Uniti. Appassionato alpinista, il re Alberto I morì in un incidente di alpinismo mentre scalava da solo sulla Roche du Vieux Bon Dieu a Marche-les-Dames, nella regione delle Ardenne belghe vicino a Namur. La sua morte ha scioccato il mondo ed è stato profondamente pianto, sia in Belgio che all'estero. Poiché Re Alberto era un esperto scalatore, alcuni misero in dubbio la versione ufficiale della sua morte. Tuttavia, le voci di omicidio sono state respinte dalla maggior parte degli storici. Il re Alberto è sepolto nella cripta reale della chiesa di Nostra Signora di Laeken a Bruxelles. Nel 1935, l'eminente autore belga Emile Cammaerts pubblicò un'acclamata biografia del re Alberto I, intitolata "Alberto del Belgio: difensore del diritto". Nel 1993, uno stretto compagno di scalate del re, Walter Amstutz, fondò la King Albert I Memorial Foundation, un'associazione con sede in Svizzera e dedicata a onorare personaggi illustri nel mondo dell'alpinismo. Celebrando i 175 anni della dinastia belga e il centenario della sua incoronazione, Alberto I è stato recentemente selezionato come motivo principale di una moneta da collezione di alto valore: la moneta commemorativa belga Alberto I da 12,5 euro, coniata nel 2008. Il dritto mostra un ritratto del Re.

altro

 

5  monete nel gruppo

(1537 X 738pixel, dimensione del file: ~225K)
Postato da: anonymous  2018-10-21
1930, Kingdom of Belgium, Albert I. Scarce Nickel 10 Francs Coin. French Legends! Mint Year: 1930 Mint Place: Brussels Reference: KM-99 ($125 in XF!) Condition: Minor bag-marks, otherwise a ncie AU+ Denomination: 10 Francs - Independence Centennial (1830-1930) Weight: 17.76gm Diameter: ...

(1205 X 600pixel, dimensione del file: ~169K)
Postato da: anonymous  2015-03-06
Belgium. Essai 10 Francs, 1930. Dupriez-2367. Position-B. Conjoined heads of Leopold I, Leopold II and Albert. NGC graded MS-62. Estimated Value $150 - 200. Categories:

(1125 X 420pixel, dimensione del file: ~108K)
Postato da: anonymous  2014-08-12
BELGIUM 1930 10 Francs French Legend VF+

(1125 X 420pixel, dimensione del file: ~106K)
Postato da: anonymous  2014-08-12
BELGIUM 1930 10 Francs Dutch Legend VF-XF
Articles
Leopoldo I, il primo re dei Belgi, lasciò un& ...   Leopoldo I, il primo re dei Belgi, lasciò un'eredità significativa che si estende oltre il suo regno e continua a influenzare la storia e l'identità del Belgio. Ecco alcuni aspetti della sua eredità: Fondazione della monarchia belga: Leopoldo I giocò un ruolo fondamentale nella fondazione della monarchia belga dopo che il paese ottenne ...
L'eredità di Leopoldo II del Belgio è com ...   L'eredità di Leopoldo II del Belgio è complessa e controversa e comprende sia risultati significativi che profonde controversie. Ecco alcuni aspetti chiave della sua eredità: Espansione coloniale: l'eredità più controversa di Leopoldo II è il suo governo personale sullo Stato libero del Congo (più tardi noto come Congo belga), un terri ...

Venduta per: $26.0
FRANCE 50 Centimes 1856BB - Silver .900 - VF - 4166

Venduta per: $5.0
FRANCE 1 Centime 1851A - Bronze - VF - 4164

Venduta per: $2.0
FRANCE 5 Centimes 1854BB - Bronze - XF - 4163
Queste monete potrebbero interessarti
50 Franc Secondo Impero francese (1852-1870) Oro Napoleone III (1808-1873)
50 Franc Secondo Impero francese (1852-1 ...
il gruppo ha   71 monete / 64 prezzi
5 Centime Belgio
5 Centime Belgio
il gruppo ha   11 monete / 10 prezzi
5 Franc Belgio Argento Leopoldo I del Belgio (1790-1865)
5 Franc Belgio Argento Leopoldo I del Be ...
il gruppo ha   13 monete / 13 prezzi
2024-07-07 - Historical Coin Prices
5 Batz Svizzera Argento
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-07-07 - New coin is added to 100 Zloty Seconda Repubblica Polacca (1918 - 1939)


    100 Zloty Seconda Repubblica Polacca (1918 - 1939)
il gruppo ha    9 monete / 9 prezzi



Poland II Republic 100 zlotych 1925, Mikołaj Kopernik, bronze Waga/Weight: 3,45 g, Metal: brąz, Średnica/diameter: 20,50 mm, Stan zachowania/grade: 2+ Moneta wybita w nakładzie 100 egzemplarzy. ...
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete