10 Centesimo Kingdom of Italy (1861-1946) Rame Victor Emmanuel II ...

1866, Italia, Vittorio Emanuele II. Moneta da 10 Centesimi in Rame rara.
Denominazione: 10 Centesimi
Riferimento: Montenegro 230 (NC), KM-11. var. (questa data e zecca non sono elencate lì!)
Materiale: rame
Diametro: 30 mm
Peso: 9,94 g
Dritto: Busto di Vittorio Emanuele II a sinistra.
Legenda: VITTORIO EMANUELLE II RE D'ITALIA
Verso: Valore (10 CENTESIMI ) e data (1866) entro corona. Stella sopra, nessuna iniziale nuova sotto.
Vittorio Emanuele II, re d'Italia (italiano: Vittorio Emanuele II; 14 marzo 1820 – 9 gennaio 1878) fu re di Piemonte, Savoia e Sardegna dal 1849 al 1861. Il 18 febbraio 1861 assunse il titolo di Re d'Italia per diventare il primo re dell'Italia unita, titolo che mantenne fino alla sua morte nel 1878.
Vittorio Emanuele nacque a Torino, figlio maggiore di Carlo Alberto di Sardegna e Maria Teresa d'Austria e Toscana. Suo padre era re del Piemonte-Sardegna. Visse alcuni anni della sua giovinezza a Firenze e mostrò presto un interesse per la politica, l'esercito e lo sport.
Sotto il padre prese parte alla Prima Guerra d'Indipendenza italiana, combattendo in prima linea nelle battaglie di Pastrengo, Santa Lucia, Goito e Custoza.
Divenne re del Piemonte-Sardegna nel 1849 quando suo padre aveva abdicato al trono dopo un'umiliante sconfitta militare da parte degli austriaci a Novara. Vittorio Emanuele riuscì subito ad ottenere a Vignale un armistizio piuttosto favorevole da parte del comandante austriaco Radetzky. Il trattato, però, non fu ratificato dalla Camera piemontese, e Vittorio Emanuele si vendicò licenziando il primo ministro Claudio Gabriele de Launay, sostituendolo con Massimo D'Azeglio. Dopo nuove elezioni, la pace con l'Austria è stata accettata dalla nuova Camera dei Deputati. Nel 1849 represse ferocemente anche la rivolta di Genova, definendo i ribelli una "razza vile e infetta di canailles".
Nel 1852 Vittorio Emanuele II conferì al conte Camillo di Cavour il titolo di Primo Ministro. Questa si rivelò una scelta saggia perché Cavour era una mente politica e fu un attore importante nell'unificazione italiana a pieno titolo. Vittorio Emanuele II divenne presto il simbolo del Risorgimento italiano, il movimento di unificazione italiana. Era particolarmente popolare nel Regno di Sardegna per il suo rispetto per la nuova costituzione e per le sue riforme liberali.
Seguendo il consiglio di Vittorio Emanuele, Cavour si unì alla Gran Bretagna e alla Francia nella guerra di Crimea contro la Russia. Cavour era cauto nell'andare in guerra a causa del potere della Russia in quel momento e dei costi per farlo. Vittorio Emanuele, tuttavia, era convinto dei vantaggi che si sarebbero ottenuti dall'alleanza che si sarebbe creata tra la Gran Bretagna e, soprattutto, con la Francia. Dopo aver cercato con successo l'appoggio britannico ed essersi ingraziato la Francia e Napoleone III al Congresso di Parigi del 1856, dopo la fine della guerra, il conte Cavour organizzò un incontro segreto con l'imperatore francese. Nel 1858 si incontrarono a Plombières-les-Bains (in Lorena), dove concordarono che se i francesi avessero aiutato il Piemonte a combattere l'Austria, che ancora occupava il Regno Lombardo-Veneto nel nord Italia, alla Francia sarebbero state assegnate Nizza e la Savoia. .
All'epoca Vittorio Emanuele era divenuto un simbolo universale del Risorgimento italiano, il movimento che spingeva verso l'Unità d'Italia.
La campagna italo-francese contro l'Austria nel 1858 iniziò con successo. Tuttavia, spaventato dalle gravi perdite per la Francia, Napoleone III stipulò segretamente a Villafranca un trattato con Francesco Giuseppe d'Austria in base al quale il Piemonte ottenne solo la Lombardia. La Francia ricevette la Nizza e la Savoia promesse, mentre l'Austria mantenne il Veneto, un grave svantaggio per i piemontesi, anche perché il trattato era stato preparato a loro insaputa. Dopo diversi litigi per l'esito della guerra, Cavour si dimise, e il re dovette cercare altri consiglieri.
Più tardi, quello stesso anno, inviò le sue forze a combattere l'esercito papale a Castelfidardo e spinse il Papa nella Città del Vaticano. Il successo di Vittorio Emanuele II in questi obiettivi gli valse la scomunica dalla Chiesa cattolica. Poi i plebisciti a Napoli e in Sicilia invocarono l'unione con la Sardegna-Piemonte e l'Italia divenne ancora più grande. Il 18 febbraio 1861 venne ufficialmente costituito il Regno d'Italia e Vittorio Emanuele II ne divenne re. Successivamente, nel 1866, all'Italia fu assegnato il Veneto come parte dell'accordo di pace dopo la Guerra delle Sette Settimane. Cinque anni dopo (1871), lo Stato Pontificio, protetto da Napoleone III (azione motivata dal suo bisogno di compiacere i cattolici in Francia), cadde in mano alle truppe italiane e Roma divenne la capitale.
Vittorio Emanuele sostenne la spedizione dei Mille di Giuseppe Garibaldi (1860-1861), che portò alla rapida caduta del Regno delle Due Sicilie nell'Italia meridionale. Il Re però fermò Garibaldi quando sembrò pronto ad attaccare Roma, ancora sotto lo Stato Pontificio, perché sotto la protezione francese. Nel 1860, attraverso plebisciti locali, Toscana, Modena, Parma e Romagna decisero di schierarsi con la Sardegna-Piemonte. Vittorio Emanuele marciò poi vittoriosamente nelle Marche e in Umbria dopo la vittoriosa battaglia di Castelfidardo (1860) contro le forze pontificie, dopo la quale ottenne la scomunica papale.
Successivamente il Re si incontrò con Garibaldi a Teano, ricevendo da lui il controllo dell'Italia meridionale. Un'altra serie di plebisciti nelle terre occupate portò alla proclamazione di Vittorio Emanuele primo Re d'Italia da parte del nuovo Parlamento dell'Italia unificata, il 17 marzo 1861. Torino divenne la capitale del nuovo Stato. Restavano da conquistare solo Roma, il Veneto, il Trentino e la Dalmazia.
Nel 1866 Vittorio Emanuele si alleò con la Prussia nella Terza Guerra d'Indipendenza italiana. Sebbene non vittorioso nel teatro italiano, riuscì comunque a ricevere il Veneto dopo la sconfitta austriaca in Germania.
Nel 1871, dopo due tentativi falliti di Garibaldi, approfittò anche della vittoria prussiana sulla Francia nella guerra franco-prussiana per conquistare Roma dopo la ritirata francese. Entrò a Roma il 20 settembre 1871, stabilendovi la nuova capitale il 2 luglio 1871 (dopo il momentaneo trasferimento a Firenze nel 1864). La nuova residenza reale fu il Palazzo del Quirinale.
Il resto del regno di Vittorio Emanuele II fu molto più tranquillo. Dopo la fondazione del Regno d'Italia, decise di continuare come re Vittorio Emanuele II invece di Vittorio Emanuele I d'Italia. Questa fu una mossa terribile per quanto riguarda le pubbliche relazioni in quanto non era indicativa del nuovo inizio che il popolo italiano voleva e suggeriva che la Sardegna-Piemonte avesse preso il controllo della penisola italiana, piuttosto che unificarla. Nonostante questo incidente, il resto del regno di Vittorio Emanuele II fu consumato dalla conclusione di questioni in sospeso e dalla gestione di questioni economiche e culturali.
Vittorio Emanuele morì a Roma nel 1878, subito dopo la revoca della scomunica da parte degli inviati di Papa Pio IX. Fu sepolto nel Pantheon. Il suo successore fu il figlio Umberto I.

altro

 

7  monete nel gruppo
2

(1537 X 739pixel, dimensione del file: ~246K)
Postato da: anonymous  2018-10-02
Untitled Document 1866, Kingdom of Italy, Victor Emmanuel II. Copper 10 Centesimi Coins. Naples mint! Mint Year: 1866 Reference: KM-11.4. Mint Place: Naples (N) Denomination: 10 Centesimi Condition: Minor deposits, otherwise about XF/XF! Material: Copper Diameter: 30mm ...

(1200 X 597pixel, dimensione del file: ~286K)
Postato da: anonymous  2016-12-05
ITALIA Regno d'italia Vittorio Emanuele II. 1859-1878. 10 Centesimi 1866, H Birmingham. 10.31 g. Nomisma 944. Pag. 544. Mont. 237. Rame rosso. Fdc.

(923 X 457pixel, dimensione del file: ~107K)
Postato da: anonymous  2015-08-31
ITALIEN Regno d'Italia Vittorio Emanuele II. 1859-1861-1878. 10 Centesimi 1866, Birmingham. 10,23 g. Pag. 544. Mont. 237. Feinster Stempelglanz.

(1445 X 726pixel, dimensione del file: ~183K)
Postato da: anonymous  2015-05-01
1866,ITALY. 10 Centesimi, 1866-H. NGC SP-66 RD.KM-11.3; Gig-94; Mont-237. Lustrous and attractive.

(965 X 360pixel, dimensione del file: ~96K)
Postato da: anonymous  2015-05-19
ITALY 1863 10 Centesimo VF-XF

(805 X 400pixel, dimensione del file: ~71K)
Postato da: gcoins  2010-08-24
Италия 10 чентезимо (1863 г.) Медь Номер по Краузе КМ#11.2

Venduta per: $9.0
British India - 1944 - Silver 1/2 Rupee - KM# 552

Venduta per: $260.0
Panama - 1905 - Silver 50 Centesimos - KM#5

Venduta per: $10.0
TURKEY 200 Lira 1978 - Silver 0.830 - Death of Jalaladdin Rumi - aUNC - 2579
Queste monete potrebbero interessarti
40 Lira Regno d
40 Lira Regno d'Italia (1805-1814) Oro N ...
il gruppo ha   74 monete / 72 prezzi
50 Centesimo Repubblica Dominicana Argento
50 Centesimo Repubblica Dominicana Argento
il gruppo ha   12 monete / 12 prezzi
2 Lira Kingdom of Italy (1861-1946)  Vittorio Emanuele III d
2 Lira Kingdom of Italy (1861-1946) Vit ...
il gruppo ha   14 monete / 14 prezzi
2024-06-23 - Historical Coin Prices
1 Scudo Italian city-states Argento
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-06-19 - Historical Coin Prices
1 Tical Cambogia Argento
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
Potresti essere interessato in…
I governanti degli imperi
Albero genealogico della dinastia e monete
Mettiti alla prova!

Puzzle di Monete
Prezzi Monete