L'India portoghese e l'India britanni ...

L'India portoghese e l'India britannica erano due territori coloniali distinti nel subcontinente indiano, ciascuno con le proprie caratteristiche uniche e il proprio significato storico. Ecco alcuni fatti chiave sull’India portoghese e britannica:

India portoghese:
Periodo coloniale: l'India portoghese si riferisce ai territori e alle stazioni commerciali stabiliti dal Portogallo nel subcontinente indiano durante l'Era delle Scoperte.

Fondazione: gli esploratori portoghesi, tra cui Vasco da Gama, raggiunsero per la prima volta il subcontinente indiano alla fine del XV secolo, aprendo la strada alla colonizzazione portoghese.

Territori: l'India portoghese comprendeva territori come Goa, Daman e Diu sulla costa occidentale dell'India, nonché enclavi in ​​altre regioni come Kochi (Cochin) in Kerala e Dadra e Nagar Haveli.

Influenza culturale: l'India portoghese ha avuto un impatto culturale significativo sulla regione.
Architettura: l'architettura coloniale portoghese ha lasciato un'impronta duratura nel paesaggio di Goa e di altri territori. Chiese, fortezze, edifici amministrativi e residenze private costruite durante l'era portoghese mostrano stili architettonici distintivi, fondendo influenze europee, indiane e locali. Gli esempi includono la Basilica di Bom Jesus, la Cattedrale Se e il Forte Chapora.

Religione: i portoghesi portarono il cattolicesimo romano in India e Goa divenne un centro per le attività missionarie. Furono costruite molte chiese e cattedrali e furono ampiamente celebrate feste religiose come il Natale e la Pasqua. L'influenza del cattolicesimo è ancora evidente nelle pratiche religiose, nelle tradizioni e nelle feste dei cattolici di Goa.

Lingua e cucina: l'influenza portoghese si estende alla lingua e alla cucina. Parole e frasi portoghesi entrarono nella lingua locale Konkani e le tecniche e gli ingredienti culinari portoghesi furono incorporati nella cucina di Goa. Piatti come il vindaloo, il sorpotel e la bebinca portano l'influenza portoghese e rimangono popolari nella cucina di Goa oggi.

Musica e danza: forme di musica e danza portoghesi, come il fado e il corridinho, furono introdotte a Goa e furono integrate nelle espressioni culturali locali. Le canzoni e le danze popolari tradizionali di Goa spesso presentano elementi influenzati da stili e ritmi musicali portoghesi.

Arte e artigianato: il mecenatismo portoghese delle arti ha favorito lo sviluppo dell'artigianato locale e delle tradizioni artistiche. Artisti e artigiani di Goa hanno prodotto opere con vari mezzi, tra cui pittura, intaglio del legno e produzione di piastrelle, fondendo tecniche portoghesi con stili indigeni.

Istruzione e amministrazione: i portoghesi fondarono istituzioni educative e strutture amministrative nelle loro colonie, contribuendo alla diffusione dell'alfabetizzazione e delle moderne pratiche di governance. L'introduzione della stampa facilitò la pubblicazione di libri, giornali e testi religiosi nelle lingue locali.

Declino: il controllo portoghese in India iniziò a diminuire nel XVII secolo con l’ascesa delle potenze coloniali britannica e olandese. Goa, la capitale dell'India portoghese, fu l'ultimo territorio ad essere annesso all'India nel 1961.

India britannica:
Periodo coloniale: l'India britannica si riferisce ai territori del subcontinente indiano sotto il dominio coloniale britannico dalla metà del XVIII secolo fino all'indipendenza nel 1947.

Istituzione: la Compagnia britannica delle Indie Orientali ha svolto un ruolo significativo nello stabilire il controllo britannico in India, inizialmente attraverso stazioni commerciali e successivamente attraverso il governo diretto.

Territori: l'India britannica comprendeva un vasto territorio, tra cui l'attuale India, Pakistan, Bangladesh e parti del Myanmar (Birmania).

Impatto: il dominio britannico in India ha avuto un profondo impatto sulla regione.
Sfruttamento economico: le politiche coloniali britanniche portarono allo sfruttamento delle risorse dell'India a beneficio dell'Impero britannico. Le ricche risorse agricole, minerarie e industriali dell'India furono sfruttate per soddisfare le esigenze delle industrie e dei mercati britannici. I sistemi di entrate fondiarie, come il Permanent Settlement e il Ryotwari System, imponevano pesanti tasse agli agricoltori indiani, portando all’impoverimento e al disagio economico.

Sviluppo delle infrastrutture: gli inglesi introdussero infrastrutture moderne come ferrovie, strade, linee telegrafiche e porti, che facilitarono il trasporto, la comunicazione e il commercio all'interno dell'India e con altre parti dell'Impero britannico. Sebbene questi sviluppi mirassero a servire gli interessi britannici, contribuirono anche all'integrazione economica e all'urbanizzazione dell'India.

Cambiamenti sociali e culturali: il dominio britannico ha apportato significativi cambiamenti sociali e culturali alla società indiana. Furono introdotti l'istruzione inglese, i sistemi legali e le strutture amministrative, creando una classe di élite istruita in inglese. Movimenti di riforma sociale emersero in risposta all’influenza britannica, affrontando questioni come la discriminazione di casta, i matrimoni precoci e le seconde nozze delle vedove.

Impatto politico: gli inglesi implementarono un sistema di governo indiretto attraverso intermediari locali e stati principeschi, amministrando direttamente aree conosciute come India britannica. La creazione di istituzioni britanniche, come il servizio civile indiano e i consigli legislativi, fornì strade per la partecipazione indiana alla governance. Tuttavia, il potere politico rimase concentrato nelle mani degli inglesi, portando a richieste di autogoverno e indipendenza.

Nazionalismo e movimento per l’indipendenza: il dominio britannico ha alimentato la crescita del nazionalismo indiano e la lotta per l’indipendenza. Leader influenti come Mahatma Gandhi, Jawaharlal Nehru e Subhas Chandra Bose mobilitarono movimenti di massa, proteste e campagne contro il dominio coloniale britannico. L’Indian National Congress e altre organizzazioni politiche hanno svolto un ruolo chiave nel sostenere l’autogoverno e l’indipendenza.

Partizione ed eredità: la spartizione dell’India nel 1947, che portò alla creazione dell’India e del Pakistan, fu una conseguenza delle politiche britanniche e delle tensioni comunitarie. L’indipendenza ha segnato la fine del dominio coloniale britannico in India, ma ha anche lasciato un’eredità di spartizione, violenza comunitaria e questioni irrisolte che continuano a plasmare la politica e la società della regione.

Indipendenza: l’India ottenne l’indipendenza dal dominio britannico il 15 agosto 1947, a seguito di una lotta non violenta guidata dal Mahatma Gandhi e da altri leader del movimento indipendentista indiano. Allo stesso tempo, anche il Pakistan, che comprende il Pakistan orientale e quello occidentale (ora Bangladesh e Pakistan), ottenne l'indipendenza.
Nel complesso, l’India portoghese e l’India britannica rappresentano capitoli significativi nella storia del colonialismo nel subcontinente indiano, lasciando ciascuna un’eredità che continua a plasmare il panorama culturale, politico e sociale della regione.

Queste monete potrebbero interessarti
25 Paisa India (1950 - ) Rame/Nichel
25 Paisa India (1950 - ) Rame/Nichel
il gruppo ha   2 monete / 2 prezzi
1 Rupee India portoghese (1510-1961) Argento
1 Rupee India portoghese (1510-1961) Argento
il gruppo ha   17 monete / 17 prezzi
1/2 Rupee Raj Britannico (1858-1947) Argento Vittoria (1819 - 1901)
1/2 Rupee Raj Britannico (1858-1947) Arg ...
il gruppo ha   9 monete / 7 prezzi
2024-06-07 - New coin is added to 1/4 Anna Raj Britannico (1858-1947) Rame


    1/4 Anna Raj Britannico (1858-1947) Rame
il gruppo ha    14 monete / 8 prezzi



INDIA 1858 1/4 Anna AU-UNC
2024-06-18 - New coin is added to 1/6 Thaler Stati federali della Germania Argento


    1/6 Thaler Stati federali della Germania Argento
il gruppo ha    3 monete / 3 prezzi



BRUNSWICK LUNEBURG CALENBERG HANNOVER 1/6 Thaler 1719 B - Silver - 2044