Il 4 settembre 1622 la flotta Tierra Firme d ...


Il 4 settembre 1622 la flotta Tierra Firme di ventotto navi lasciò l'Avana diretta in Spagna. Con esso veniva portata la ricchezza di un impero; Argento dal Perù e dal Messico, oro e smeraldi dalla Colombia, perle dal Venezuela. Ogni nave trasportava il suo equipaggio, soldati, passeggeri e tutti i materiali e le provviste necessarie per un viaggio di successo. Il giorno successivo, la flotta si trovò travolta da un uragano mentre entrava nello stretto della Florida. La mattina del 6 settembre, otto di queste navi giacevano rotte sul fondo dell'oceano, sparse dalle Marchesi Keys alle Dry Tortugas. Contengono i tesori delle Americhe e le storie mai raccontate di decine di marinai, soldati, nobili ed ecclesiastici spagnoli.

La Nuestra Señora de Atocha, pesantemente armata, navigò come Almirante, o retroguardia, della flotta, seguendo gli altri per impedire un attacco da dietro la flotta. Per ulteriore protezione, portava il nome del più sacro dei santuari di Madrid. Era stata costruita per la Corona all'Avana nel 1620 e aveva una stazza nominale di 550 tonnellate, con una lunghezza fuori tutto di 112 piedi, una larghezza di 34 piedi e un pescaggio di 14 piedi. Portava alberi di prua e di maestra a vele quadrate e un albero di mezzana a vele latine. Atocha avrebbe avuto il castello di poppa alto, la vita bassa e il castello di prua alto di un tipico galeón dell'inizio del XVII secolo. Aveva effettuato solo un viaggio precedente in Spagna, durante il quale il suo albero maestro era scoppiato e aveva dovuto essere sostituito.

Per il viaggio di ritorno del 1622, Atocha fu caricata con un carico che oggi è quasi incredibile: 24 tonnellate di lingotti d'argento in 1038 lingotti, 180,00 pesos di monete d'argento , 582 lingotti di rame, 125 lingotti e dischi d'oro, 350 bauli d'indaco, 525 balle di tabacco, 20 cannoni di bronzo e 1.200 libbre di argenteria lavorata! A ciò si possono aggiungere articoli contrabbandati per evitare la tassazione, gioielli e beni personali non registrati; il tutto creando un tesoro che potrebbe sicuramente rivaleggiare con qualsiasi altro mai accumulato.


La Nuestra Señora de Atocha affondò con 265 persone a bordo. Solo cinque - tre marinai e due schiavi - sopravvissero aggrappandosi al ceppo dell'albero di mezzana, che era l'unica parte del galeone distrutto rimasta fuori dall'acqua. I soccorritori hanno cercato di entrare nella nave annegata, ma hanno trovato i portelli ben chiusi. La profondità dell'acqua, a 55 piedi, era troppo grande per consentire loro di lavorare per aprirla. Hanno segnato il luogo della sua perdita e sono andati a salvare le persone e i tesori di Santa Margarita e Nuestra Señora del Rosario, anche altre navi perse nella tempesta. Il 5 ottobre arrivò un secondo uragano che distrusse ulteriormente il relitto dell'Atocha. Per i successivi 60 anni, i salvatori spagnoli cercarono il galeone, ma non ne trovarono mai traccia. Sembrava che se ne fosse andata per sempre.

Mel Fisher Nel 1969, Mel Fisher e la sua squadradi Treasure Salvors iniziarono un'incessante ricerca durata sedici anni per il tesoro dell'Atocha. Utilizzando deflettori per l'elica di rimozione della sabbia, o "cassette postali", da lui inventati, e magnetometri protonici appositamente progettati, hanno trascorso lunghi anni seguendo la traccia sfuggente del relitto, a volte non trovando nulla per mesi, e poi recuperando pezzi di tesori e artefatti che stranamente indicava la vicinanza della nave e del suo carico.

Nel 1973 furono ritrovati tre lingotti d'argento che corrispondevano ai pesi e ai numeri trovati sul manifesto di Atocha, che era stato trascritto dall'originale a Siviglia. Ciò ha verificato che Fisher era vicino alla maggior parte del sito del relitto. Nel 1975, suo figlio Dirk trovò cinque cannoni di bronzo i cui segni avrebbero confermato l'identificazione con l'Atocha. Solo pochi giorni dopo, Dirk e sua moglie Angel, con il sub Rick Gage, furono uccisi quando una delle barche di salvataggio si capovolse. Eppure Fisher e il suo intrepido equipaggio hanno perseverato

Nel 1980 trovarono una parte significativa dei resti della Santa Margarita, con una fortuna in lingotti d'oro, gioielli e monete d'argento. Il 12 maggio 1980, il figlio di Fisher, Kane, scoprì una sezione completa dello scafo in legno della Margarita appesantito da pietre di zavorra, palle di cannone di ferro e manufatti della Spagna del XVII secolo.

Il 20 luglio 1985, Kane Fisher, capitano della nave di salvataggio Dauntless, inviò un messaggio di giubilo al quartier generale di suo padre: "Metti via le carte; abbiamo trovato la pila principale!" I membri estasiati dell'equipaggio descrissero il ritrovamento come una barriera corallina di lingotti d'argento. Nel giro di pochi giorni, i segni dello spedizioniere sulle sbarre furono abbinati alla lista di carico dell'Atocha, confermando la trionfante affermazione di Kane. Alla fine, il "motherlode" del relitto fu ritrovato e iniziarono gli scavi di quello che fu ampiamente definito il "naufragio del secolo".

Duncan Mathewson, capo archeologo di Mel Fisher, riunì rapidamente una squadra di archeologi e conservatori da tutto il paese per garantire che i manufatti e il tesoro fossero scavati e conservati correttamente. Poiché il materiale era rimasto sul fondo dell'oceano per tre secoli e mezzo, gran parte di esso era in uno stato estremamente instabile; era necessario un trattamento di conservazione immediato per impedirne la distruzione dopo aver lasciato la tomba di acqua salata.

Philip III (1598-1621) Oggi manufatti e tesori provenienti da Atocha e Margarita costituiscono la pietra angolare della collezione del Museo della Mel Fisher Maritime Heritage Society. Tra gli oggetti rinvenuti sui relitti vi sono un patrimonio in oro, lingotti d'argento e monete destinati alle casse della Spagna; una cintura e una collana in oro massiccio con gemme; un calice d'oro progettato per impedire a chi lo usa di essere avvelenato; un piatto d'oro finemente lavorato; una catena d'oro che pesa più di sette libbre; un'orda di smeraldi di contrabbando, tra cui un impressionante cristallo esagonale non tagliato da 77,76 carati che gli esperti hanno rintracciato nella miniera di Muzo in Colombia; gioielli religiosi e secolari; e argenteria.

Insieme al tesoro, e forse in definitiva più importante, c'erano innumerevoli articoli che forniscono informazioni sulla vita del diciassettesimo secolo, soprattutto a vela: rari strumenti di navigazione, armamenti militari, oggetti dei nativi americani, strumenti di vari mestieri, vasi di ceramica, articoli di cambusa, persino semi e insetti. Una parte dello scafo inferiore dell'Atocha è stata esaminata e poi recuperata per essere conservata in una laguna protetta presso il Florida Keys Community College, rendendola facilmente accessibile ai ricercatori interessati.

Dopo un lungo processo di conservazione, molti dei manufatti provenienti da Nuestra Señora de Atocha e Santa Margarita sono ora esposti permanentemente presso il Museo marittimo no-profit Mel Fisher. Circa 200.000 persone visitano ogni anno il museo di Key West per ammirarli e applaudire il trionfo dello spirito umano che il loro recupero rappresenta.


Un “4 Reale” (in alto a sinistra) e otto “8 Reale” della Nuestra Señora de Atochasite (1622). Tutti gli "8 Reale" provenivano dallo stesso baule e provenivano dalla "Grande Montagna d'Argento" di Potosi, in Bolivia. Un “8 Reale” è un “pezzo da otto” nel linguaggio dei pirati.

La società per il patrimonio marittimo di Mel Fisher
Nostra Signora di Atocha
2024-04-18 - Historical Coin Prices
25 Copeca Impero russo (1720-1917) Argento Alessan ...
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-04-19 - New coin is added to 1/24 Thaler Duchy of Pomerania-Stettin Argento


    1/24 Thaler Duchy of Pomerania-Stettin Argento
il gruppo ha    3 monete / 3 prezzi



1617, Pomerania-Stettin (Duchy), Philip II. Silver 1/24 Thaler Coin. aXF! Mint Year: 1617 Reference: KM-12. Denomination: 1/24 Thaler Condition: Minor deposits, otherwise about XF! Diamete ...