Lo statere era un'antica unità di peso e ...

Lo statere era un'antica unità di peso e valuta greca, ampiamente utilizzata in tutto il mondo greco dal periodo arcaico (VIII-VI secolo a.C.) in poi. Ecco alcuni fatti sullo Stater nell'antica Grecia:

Unità di peso: lo statere originariamente si riferiva a un peso specifico di metallo, tipicamente argento o oro. Il suo peso variava a seconda della regione e del periodo di tempo, ma generalmente era di circa 8,3 grammi per l'argento e 8,6 grammi per l'oro.

Valuta: nel corso del tempo, lo Stater divenne un’unità monetaria standard nelle città-stato e nei regni dell’antica Grecia. Era utilizzato per il commercio, il commercio e come mezzo di scambio nelle transazioni quotidiane.

Varietà di disegni: gli stateri furono coniati da varie città-stato e regni greci, ciascuno con i propri disegni e simboli unici.
Ecco alcuni esempi dei diversi design presenti sugli Stater:

Figure mitologiche: molti Stateri raffiguravano figure mitologiche della mitologia greca, come dei, dee, eroi e creature mitiche. Queste figure spesso simboleggiavano il legame della città-stato con il suo passato leggendario e le sue credenze religiose. Ad esempio, lo Statere di Atene, noto come il "Gufo ateniese", raffigurava la dea Atena, insieme al suo uccello sacro, il gufo.
Divinità: gli stateri spesso presentavano rappresentazioni di divinità locali o panelleniche venerate dal popolo della città-stato emittente. Queste raffigurazioni servivano come espressioni di devozione religiosa e identità culturale. Ad esempio, lo Statere di Corinto raffigurava la dea Afrodite, mentre lo Statere di Tebe raffigurava il dio Eracle.
Animali: i motivi animali erano comuni negli Stateri e spesso rappresentavano attributi come forza, agilità o protezione. Le raffigurazioni di animali popolari includevano leoni, cinghiali, cavalli, delfini e aquile. Questi disegni a volte avevano significati simbolici associati alla storia o alla mitologia della città-stato.
Simboli araldici: alcuni stateri presentavano simboli araldici, emblemi o distintivi associati alla dinastia regnante, alle famiglie nobili o alle istituzioni importanti all'interno della città-stato. Questi simboli servivano come segni di autorità e legittimità. Gli esempi includono la rosa sullo Statere di Rodi e il tridente sullo Statere di Siracusa.
Motivi geometrici: oltre ai disegni figurativi, gli Stateri a volte incorporavano motivi geometrici, come meandri, rosette o bordi geometrici. Questi disegni aggiungevano fascino estetico e complessità artistica alle monete.
Iscrizioni: le iscrizioni sugli stateri includevano tipicamente il nome della città-stato, la denominazione e talvolta informazioni aggiuntive come il nome del magistrato responsabile della coniazione o l'anno di conio.
Temi culturali e storici: alcuni stateri raffiguravano scene o simboli relativi a eventi storici, pratiche culturali o conquiste della città-stato emittente. Questi progetti celebravano l'eredità della città-stato e sottolineavano il suo contributo alla civiltà greca.

Standardizzazione: nonostante la diversità dei modelli, ci sono stati sforzi per standardizzare il peso e la purezza degli Stateri all'interno di una particolare regione o regno per garantire la loro accettazione nel commercio e nel commercio. Ecco alcune considerazioni generali riguardanti la standardizzazione degli stateri all'interno dei regni:
Autorità centralizzata: i regni con una forte autorità centralizzata, come la Macedonia sotto Filippo II e Alessandro Magno, furono maggiormente in grado di standardizzare la loro moneta. Questi governanti spesso emanavano decreti o istituivano zecche reali per regolare il peso, la purezza e il design delle monete, compresi gli Stater.
Pratiche di conio: le zecche reali hanno svolto un ruolo cruciale nella standardizzazione della moneta all'interno dei regni. Queste zecche erano responsabili della produzione di monete secondo standard specifici stabiliti dall'autorità dominante. Le pratiche di conio variavano, ma l’uso di stampi standardizzati e tecniche di analisi ha contribuito a garantire la coerenza nella produzione di Stater.
Contenuto e peso del metallo: la standardizzazione del contenuto e del peso del metallo degli stateri era essenziale per mantenerne il valore e facilitare il commercio. I regni generalmente stabilivano standard fissi per la purezza dei metalli preziosi (come l'argento o l'oro) utilizzati nella coniazione e il peso delle singole monete.
Regolamento delle zecche locali: oltre alle zecche reali, alcuni regni consentivano alle zecche locali di produrre monete, compresi gli Stater. Tuttavia, queste zecche locali erano spesso soggette a rigide normative e alla supervisione da parte delle autorità centrali per prevenire deviazioni dagli standard stabiliti.
Influenza commerciale: anche la necessità di mantenere relazioni commerciali e facilitare il commercio all'interno del regno e con le regioni vicine influenzò la standardizzazione degli Stater. Standard di conio coerenti promuovevano la fiducia nella valuta e facilitavano il commercio oltre i confini politici.
Variazioni regionali: nonostante gli sforzi di standardizzazione, c'erano spesso variazioni regionali nella monetazione degli Stater all'interno dei regni. Queste variazioni potrebbero verificarsi a causa delle differenze nelle pratiche di conio locali, nelle condizioni economiche o nella disponibilità di metalli preziosi.
Integrazione in sistemi monetari più ampi: alcuni regni, in particolare quelli coinvolti in estese reti commerciali, cercarono di integrare la loro moneta in sistemi monetari più ampi. Questa integrazione spesso richiedeva l’adesione a pesi e misure standardizzati stabiliti dalle autorità regionali o internazionali.

Commercio internazionale: gli stateri erano ampiamente riconosciuti e accettati al di fuori della loro città-stato o regno di origine, facilitando il commercio internazionale in tutta la regione del Mediterraneo e oltre.

Valore: il valore di uno Stater variava a seconda di fattori quali il contenuto di metallo, il peso e la purezza. Gli Stater d'oro erano generalmente più preziosi degli Stater d'argento a causa del valore intrinseco dell'oro.

Significato archeologico: gli stateri si trovano spesso negli scavi archeologici in tutto il mondo greco antico. Forniscono preziose informazioni sull’attività economica, sulle rotte commerciali e sulle relazioni politiche nell’antichità.

Eredità: lo Statere influenzò lo sviluppo della monetazione nel mondo occidentale e servì da modello per i successivi sistemi di monetazione nell'antica Roma e oltre.

Nel complesso, lo Statere ha svolto un ruolo significativo nell'economia e nel commercio dell'antica Grecia, fungendo da unità monetaria standard e simbolo della ricchezza e del potere delle città-stato e dei regni greci.


Queste monete potrebbero interessarti
1 Statere Grecia antica (1100BC-330) Oro
1 Statere Grecia antica (1100BC-330) Oro
il gruppo ha   2 monete / 2 prezzi
1 Statere Grecia antica (1100BC-330) Argento
1 Statere Grecia antica (1100BC-330) Argento
il gruppo ha   32 monete / 30 prezzi
1 Statere Grecia antica (1100BC-330) Argento
1 Statere Grecia antica (1100BC-330) Argento
il gruppo ha   102 monete / 81 prezzi
2024-05-17 - New coin is added to 80 Real Spagna Oro Isabella II of Spain (1830- 1904)


    80 Real Spagna Oro Isabella II of Spain (1830- 1904)
il gruppo ha    12 monete / 12 prezzi



Spain. 80 Reales, 1845-B PS. Fr-324; KM-578.1. Weight 0.1904 ounce. Isabel II. Head right. Reverse: Arms. NGC graded About Uncirculated, Details (Surface Hairlines). Estimated Value $250 - 300 C ...
2024-05-17 - Monete nuove
Monete nuove da sloveniacoins .
Una di queste è
SWEDEN 2 Kronor 1897 - Silver 0.8 - Oscar II. - Patinated - XF - 4638 *