Nel sistema monetario romano, il denario (plu ...

Nel sistema monetario romano, il denario (plurale: denarii) era una piccola moneta d'argento coniata per la prima volta nel 211 a.C. Era la moneta più comune prodotta per la circolazione ma venne lentamente degradata fino alla sua sostituzione con l'antoniniano. La parola “denarius” deriva dal latino dēnī “dieci volte”, poiché il suo valore era 10 assi; potrebbe anche essere l'origine della parola Dinar.


Storia
Il denario fu il secondo a essere coniato intorno al 211 a.C. durante la Repubblica Romana e contemporaneamente alla Seconda Guerra Punica, con un peso medio di 4,5 grammi all'epoca o 1/72 di libbra romana. Rimase a questo peso per un po' e poi scese a circa 3,9 grammi nel II secolo aC (un peso teorico di 1/84 di libbra romana). Rimase poi quasi a questo peso fino al tempo di Nerone, quando fu ridotto a 1/96 di libbra, ovvero 3,4 grammi. Sotto Nerone iniziò la svalutazione dell'argento. Successivamente gli imperatori romani lo ridussero a un peso di 3 grammi intorno alla fine del III secolo. Il valore alla sua introduzione era di 10 assi, da cui il nome del denario che si traduce in "contenente dieci". Intorno al 141 a.C. la tariffa fu nuovamente fissata a 16 assi, per riflettere la diminuzione del peso dell'asse. Il denario continuò ad essere la moneta principale dell'impero finché non fu sostituito dall'antoniniano a metà del III secolo. L'ultima emissione di questa moneta sembra essere quella di bronzo emessa da Aureliano tra il 270 e il 275 d.C. e nei primi anni del regno di Diocleziano. Per maggiori dettagli, vedere l'articolo "Denarius" in A Dictionary of Ancient Roman Coins di John R. Melville-Jones (1990).


Valore
Sembra che l'oro aureo fosse una “moneta di conto”, una denominazione non comunemente vista nelle transazioni quotidiane a causa del suo alto valore. I numismatici pensano che l'aureus fosse utilizzato per pagare bonus alle legioni all'ascesa di nuovi imperatori. Il suo valore era di 25 denari.[citazione necessaria]
1 aureo d'oro = 2 quinarii d'oro = 25 denari d'argento = 50 quinarii d'argento =100 sesterzi di bronzo = 200 dupondii di bronzo = 400 as di rame = 800 semisses di rame = 1600 quadrani di rame
La Bibbia si riferisce al denaro come al salario giornaliero di un lavoratore comune (Matteo 20:2; Giovanni 12:5). Il valore del denaro è menzionato, anche se forse non letteralmente, nella Bibbia in Apocalisse 6:6: " E udii come una voce in mezzo ai quattro esseri viventi che diceva: "Una tazza di grano per un denaro, e tre tazze d'orzo per un denaro [Vulgata latina: bilibris tritici denario et tres bilibres hordei denario]; e fare non danneggiare l'olio e il vino."


Influenze
Anche dopo che il denario non fu più emesso regolarmente, continuò ad essere utilizzato come strumento contabile e il nome fu applicato alle monete romane successive in un modo non compreso. Gli arabi che conquistarono gran parte dell'Impero Romano emisero il proprio Dinaro d'oro, da cui deriva il nome Dinaro di varie valute arabe attuali. L'eredità duratura del denario può essere vista nell'uso della “d” come abbreviazione del penny britannico prima del 1971 5 . Sopravvisse in Francia come nome di una moneta, il denari. Il denario sopravvive anche nel nome arabo comune di un'unità monetaria, il dinaro utilizzato fin dall'epoca preislamica e ancora utilizzato in diverse nazioni moderne di lingua araba. L'unità monetaria nell'ex Jugoslavia e oggi in Serbia è il dinaro, che ha anch'esso le sue origini nella parola latina denarius. Anche il denaro macedone deriva dal denaro romano. Anche la parola italiana denaro, la parola spagnola dinero, la parola portoghese dinheiro, la parola slovena denar e la parola catalana diner, che significano tutte denaro, derivano anch'esse dal latino “denarius”.

2024-07-08 - Historical Coin Prices
5 Zloty Seconda Repubblica Polacca (1918 - 1939) A ...
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli
2024-07-12 - Historical Coin Prices
50 Cent Stati Uniti d'America (1776 - ) Argento
Prezzi da fonti pubbliche
Dettagli